venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeNotizie TeramoGiulianova, piazza Dalla Chiesa verso la riqualificazione

Giulianova, piazza Dalla Chiesa verso la riqualificazione

Piazza Dalla Chiesa verso la riqualificazione.

Ci sono i fondi per abbattere, parzialmente o per intero, l’ex mercato coperto.

L’ assessore Di Candido: “Su questa area vogliamo lasciare un segno: di armonia, di bellezza, di godibilità”.

L’ex mercato coperto sarà abbattuto. Se integralmente o solo in parte, questo dovrà essere deciso.

Ciò su cui non ha dubbi, l’Amministrazione comunale, è la riqualificazione dell’area su cui insiste,  piazza Dalla Chiesa, uno spazio fondamentale per la città, in zona pedecollinare e a pochi metri da viale Orsini e dal mare.

A disposizione, ci sono 2, 5 milioni di euro previsti dal Pnrr.

Il mercato coperto, inutilizzato da anni, non ha i requisiti per poter essere recuperato così com’è. La costruzione ex novo di un edificio risulterebbe infatti economicamente più vantaggiosa rispetto alla messa a norma dell’esistente.

Alle stesse conclusioni era giunto il forum popolare sulla piazza tenutosi mesi fa al Kursaal.

L’ Amministrazione comunale riflette sul da farsi, tenendo ben presente il valore urbanistico e strategico della zona.

“Su piazza Dalla Chiesa, questa Amministrazione, vuol lasciare un segno – sottolinea l’assessore ai Lavori Pubblici Giampiero Di Candido –  Un segno di armonia, di bellezza, di godibilità. Per i cittadini attuali e per quelli futuri.  Una volta eliminato il volume del mercato, non necessariamente la piazza  deve essere riedificata.

L’area può diventare , ad esempio, un parco cittadino, con un parcheggio a latere.  Non solo. Piazza Dalla Chiesa potrebbe, un domani, essere il punto di partenza per quel collegamento meccanico Lido – Paese su cui diverse amministrazioni hanno riflettuto.

L’abbattimento totale del mercato coperto – prosegue l’assessore – non è scontato.  Dell’ attuale edificio potrebbe infatti essere conservata la parte circolare,  come testimonianza di un passato che, in molte aree d’Italia, è stato influenzato dalle tendenze architettoniche della corrente “brutalista””.

Il Brutalismo, va detto, è uno stile architettonico nato nel secondo dopoguerra e che ha imperversato fino agli anni ‘70. Il suo nome deriva da “beton brut” di Le Corbusier, ovvero dalla rudezza del cemento a vista, materiale ampiamente impiegato in queste costruzioni. A Giulianova, ne sono espressione il mercato coperto e la chiesa di San Pietro Apostolo prima della successiva tinteggiatura.

L’esempio italiano più celebre, ed il più fotografato al mondo,  è la Torre Velasca di Milano, costruita tra il  ‘55 ed il ‘57 ed oggi vincolata dalla Soprintendenza ai Beni Culturali.
“ Una buona Amministrazione – conclude Di Candido – sa guardare avanti ma ha la responsabilità di custodire la memoria dei luoghi, che parla alla coscienza e al cuore dei cittadini.

Per ora, piazza Dalla Chiesa è un cantiere aperto. Riflettiamo, insieme ai professionisti del settore, per una scelta finale che sarà condivisa, utile e matura.”

Salvatore Riccardo

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES