Tortoreto, farmacia comunale: la replica della società che gestisce il servizio

Tortoreto. L’attacco era politico, sia chiaro, ma gli appunti mossi dall’associazione Impegno Civico sulla gestione della farmacia comunale di Tortoreto favoriscono una replica da parte della società MRC Farmacie, che gestisce analogo servizio in altre otto sedi farmaceutiche in tutta Italia.

Le critiche, giudicate un vero e proprio attacco gratuito, vertevano su vari aspetti.

E la stessa società in maniera dettagliata “smonta” vari elementi.

Le offerte. “Le migliorie offerte in sede di gara, sono state quasi tutte avviate o in via di implementazione, alcune  rinviate causa emergenza Covid 19, in quanto non compatibili con la sicurezza del personale”, si legge in una nota.

I servizi svolti sono anche in numero maggiore rispetto a quelli previsti, per quantità e qualità. Quelli sospesi o posticipati causa pandemia saranno ripristinati appena possibile.

Orari di apertura. L’estensione dell’orario di apertura è graduale, non ancora  a regime per la difficoltà nel reperimento di ulteriore personale formato secondo gli standard aziendali. Posto che sin dalla data di apertura della farmacia da parte della MRC, è stato offerto un servizio di reperibilità volontario durante gli orari di chiusura, si rappresenta che in data 16.11.2020 è stata assunta una ulteriore farmacista, anche allo scopo di ampliare ulteriormente le aperture così come indicato in sede di offerta.

In ogni caso, sin dall’inizio della gestione sono state garantite circa 50 (cinquanta) ore di apertura settimanale, a differenza dell’offerta concorrente che ne prevedeva 36 (al di sotto dell’orario minimo di legge che è di 40 ore!!)

Ritardi. Il ritardo nella riapertura dopo la gara, avvenuta in agosto, è stato causato esclusivamente dalla lentezza con cui l’ufficio farmaceutico regionale ha rilasciato la necessaria  autorizzazione.

Come da impegni contrattuali, è stata presentata entro 4 mesi la carta servizi, mentre Il comune svolge il suo ruolo di controllo come dimostrano i costanti contatti ufficiali.

Ogni considerazione oggi appare pretestuosa polemica politica che raccoglie anche infondate rimostranze di gara, il cui esito ha garantito, rispetto alla gestione diretta e alla stessa offerta concorrente, un considerevole maggiore introito netto per il comune di Tortoreto e, soprattutto, più servizi.

Si sfida a raccogliere, ove ne esistano, lamentele di ogni tipo da parte degli utenti, unici autorevoli critici da considerare”.