6.5 C
Abruzzo
mercoledì, Agosto 17, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoT-Red a Roseto: flash mob di Fratelli d'Italia

T-Red a Roseto: flash mob di Fratelli d’Italia

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 29 Luglio 2022 @ 23:53

Roseto degli Abruzzi. Protesta dei militanti del partito di Giorgia Meloni che scendono in strada bloccando l’incrocio di Roseto sud con uno striscione con sopra scritto: “mani in alto questa è la svolta.

 

T-Red, semaforo rosso per Nugnes” per contestare quella che definiscono una mera “operazione di cassa”.

 

“Nei giorni scorsi, ho protocollato una pec in cui segnalavo il malfunzionamento del semaforo per le auto provenienti da sud e che devono girare verso Santa Petronilla e la richiesta di intervento urgente per scongiurare ulteriori multe dovute al disservizio.

Il passaggio dal verde al giallo e al rosso è talmente breve da non permettere una naturale valutazione per un arresto veicolare in sicurezza, comportando manovre repentine sia di frenata sia di uscita dall’intersezione per chi si immette da Santa Petronilla. Il rischio è l’avverarsi di sinistri stradali derivati anche dall’ingannevole tempistica della luce semaforica”, dichiara Francesco Di Giuseppe Capogruppo di FDI in consiglio comunale.

 

“Dopo aver messo le mani nelle tasche dei professionisti con l’aumento dei diritti di segreteria, dopo aver messo le mani nelle tasche dei turisti con l’aumento dell’imposta di soggiorno, dopo aver messo le mani nelle tasche delle famiglie Rosetane con l’aumento delle tariffe della TARI l’amministrazione Nugnes mette le mani nelle tasche di chi è di passaggio nella nostra città.

 

Fratelli d’Italia chiede in primis di posizionare un temporizzatore di scadenza dei vari colori del semaforo, così da permettere a chiunque, e specialmente agli autisti di auto articolati pesanti, di poter garantire una frenata in condizioni di sicurezza che oggi mancano e in secondo luogo di lavorare sulla realizzazione di una rotonda.

 

Se davvero questa amministrazione crede alla sicurezza degli utenti della strada sa che l’unica soluzione in questo senso è la desemaforizzazione del territorio. Basta operazioni di cassa sulla pelle dei cittadini”, conclude Di Giuseppe.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'