- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
lunedì, Giugno 27, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoMartinsicuro, nuovo piano demaniale: gli ambientalisti diffidano il Comune VIDEO

Martinsicuro, nuovo piano demaniale: gli ambientalisti diffidano il Comune VIDEO

Ultimo Aggiornamento: martedì, 22 Febbraio 2022 @ 13:54

Martinsicuro. Le associazioni Mountain Wilderness, Lega Italiana Protezione Uccelli e Stazione Ornitologica Abruzzese hanno diffidato il Comune di Martinsicuro che ha approvato un nuovo Piano Demaniale Marittimo prevedendo due nuove concessioni esattamente in aree dunali con vegetazione protetta e in siti di nidificazione del fratino.

 

La richiesta è di agire in auto-tutela in quanto è accaduto un fatto a parere delle associazioni estremamente grave. Alle precise e circostanziate osservazioni inviate per tempo da Mountain Wilderness circa la presenza di ambiti dunali e vegetazione protetta il tecnico incaricato della pianificazione dell’arenile ha sostenuto che nelle aree oggetto di concessione demaniale non sono presenti dune. Il consiglio comunale ha quindi respinto l’osservazione volta a scongiurare il rilascio di due nuove concessioni in aree di rilevante interesse naturalistico.

Basta fare un sopralluogo o osservare video e fotografie delle due aree per rilevare la presenza inequivocabile di dune con la relativa vegetazione spontanea”, si legge. “Sono presenti diverse specie proprie degli ambienti sabbiosi come, tra gli altri, il Ginestrino delle spiagge (Lotus creticus) e l’Erba medica marina (Medicago marina L.: Status di conservazione: VU – vulnerabile, ad alto rischio di estinzione) che colora di giallo in maniera scenografica la spiaggia. Inoltre le due nuove concessioni sono siti di riproduzione del raro Fratino. Tra l’altro il Comune stesso, nell’analisi della situazione, ha affermato che la specie è in drastico decremento numerico; poi però agisce per distruggere le poche aree di nidificazione rimaste”.

 

Le associazioni, qualora il Comune non attuerà l’auto-tutela, valuteranno anche di ricorrere all’autorità giudiziaria.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'