Giulianova, le proposte del Liceo Curie per allestire le aule provvisorie negli edifici individuati dalla Provincia

Giulianova. Silvia Recchiuti, Dirigente Scolastico del Liceo Curie, ha inviato, nella giornata di oggi, una lettera con le planimetrie dei due edifici indicati (e individuati tramite avviso pubblico) dalla Provincia di Teramo per la temporanea risoluzione degli spazi nella struttura scolastica.

 

Carenza, già segnalata negli anni scorsi dalla stessa scuola, dettata dall’aumento costante degli iscritti e acuita dall’emergenza Covid. Entrambe le strutture (una a Colleranesco e l’altra sulla statale 16 nord), garantirebbero, se messe a norma secondo le leggi vigenti, la didattica in presenza a tutte le classi del Liceo Curie.

Giovedì scorso, come in tutta la regione, i cancelli della scuola giuliesi si sono aperti di nuovo, ma l’attività didattica procede con una formula mista e alcuni classi seguono a distanza il 50% delle ore settimanali, a causa della carenza degli spazi.

Il Liceo Curie, infatti, ha già, lo scorso anno, utilizzato tutti gli spazi per ricavare nuove classi e ha già occupato per l’attività didattica tutti i locali disponibili (aula magna, laboratori, spazi aperti, ecc.) che, una volta terminata la pandemia, dovranno essere restituiti alla loro originaria funzione.

La Dirigente Scolastica e la Provincia hanno già visionato le due strutture che, con le soluzioni individuate dal Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione della scuola, l’ingegnere Mario Malatesta, garantirebbero, temporaneamente e per questo anno scolastico, tutte le lezioni in presenza.

In attesa di provvedere all’ampliamento dell’edificio in via Gramsci, il Liceo Curie attende ora le decisioni della Provincia di Teramo per poter garantire a tutti gli alunni e docenti la presenza quotidiana a scuola.

Nella stessa missiva la Dirigente Recchiuti ha anticipato all’Ente, al fine di poter condividere le migliori soluzioni per l’organizzazione del corrente anno scolastico, di voler convocare una conferenza di servizio alla presenza del Consiglio di Istituto, medico competente, RSU e le aziende di trasporto.

ECCO LA LETTERA INVIATA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO DEL LICEO CURIE ALLA PROVINCIA DI TERAMO (CLICCA E SCARICA): Comunicazione alla PROVINCIA