Coronavirus Atri: il personale che lavora nel Covid Hospital potrà alloggiare al Palazzo Cicada

Atri. Presto il personale sanitario che sta operando nell’Ospedale San Liberatore di Atri, il Covid Hospital della provincia di Teramo, avrà degli alloggi messi a disposizione prontamente all’Amministrazione Comunale che saranno destinati, in via prioritaria, al personale proveniente da fuori provincia o da fuori regione.

 

Ieri, 3 aprile 2020, infatti, la Protezione Civile ha visionato l’ultimo piano di Palazzo Cardinale Cicada di Atri composto da 27 alloggi con servizi ritenendoli idonei a essere messi a disposizione per tale scopo e ha autorizzato il Comune di Atri a sostenere le spese necessarie per la sistemazione degli ambienti stessi (tinteggiatura e altri aspetti logistici).

Il Sindaco di Atri, Piergiorgio Ferretti, ha già attivato la macchina amministrativa e nel giro di una settimana i locali saranno a disponibili. Il Sindaco ha inoltre messo in contatto la Protezione Civile con i gestori dell’Hotel Du Parc di Atri e sono state avviate le trattative per mettere a disposizione alcune camere a quanti dovranno fare la quarantena vigilata, in particolare per i dimessi positivi che non possono tornare nelle proprie famiglie perché le loro case non dispongono di spazio sufficiente per garantire l’isolamento del paziente.

“La città di Atri – commenta il Sindaco Ferretti – sta dando il massimo per risolvere questa emergenza sotto tutti i punti di vista. Aver reso il nostro nosocomio Covid Hospital ha generato altre esigenze, tra queste la necessità di individuare alloggi per i medici e il personale sanitario che vi opera, in particolare per quanti vengono da fuori provincia o anche da fuori regione. Ringrazio la Protezione Civile per il prezioso lavoro, nel giro di una settimana i locali di Palazzo Cicada saranno disponibili e speriamo anche che la trattativa con i gestori dell’Hotel Du Parc, persone sensibili e altruiste, vada a buon fine per poter offrire anche stanze a quanti devono fare quarantene vigilate”.