Alba Adriatica, querelle Gattopardo: le precisazioni del sindaco

Alba Adriatica. Ci sono delle puntualizzazioni, ora affidate ad un comunicato stampa, ma che poi saranno oggetto del contenzioso amministrativo (e non solo) da parte dell’amministrazione comunale di Alba Adriatica sulla vicenda delle discoteca Il Gattopardo.

 

 

Nella giornata di oggi, infatti, il Tar ha sospeso l’efficacia dell’ordinanza con la quale il Comune, venerdì scorso, aveva sospeso per 10 giorni la licenza in uso alla discoteca.

Le esternazioni della proprietà, attraverso il legale, però, determinazione delle precisazioni sostanziali da parte dell’esecutivo guidato dal sindaco Antonietta Casciotti.

“L’ordinanza di sospensione è diretta a sanzionare gli abusi nell’uso dell’autorizzazione di polizia la cui legittimità è ancora da accertare all’interno del processo”, si legge nella replica, “perché la determinazione del Presidente è stata assunta in via di assoluta urgenza e con riserva delle decisioni finali.

La decisione del Tribunale è sottoposta alla raccomandazione che l’attività di intrattenimento avvenga “nel rigoroso rispetto delle regole che tutelano la salute pubblica da parte della società anche al fine di evitare ulteriori contenziosi con le autorità“.

La questione della notifica. Questo aspetto, negli ultimi giorni continua a tenere banco, ma l’amministrazione chiarisce anche questo aspetto. “La notifica dell’atto, oltre ad essere stata affidata alla posta elettronica certificata equivalente per legge alla raccomandata con avviso di ricevimento”, si legge ancora, “è stata effettuata sempre nella medesima giornata del 7 agosto anche a mezzo messo comunale presso la sede legale della società. Il provvedimento comunale era pertanto più che noto al destinatario

Sarà la magistratura ordinaria ad accertare se il mancato rispetto dell’ordinanza a seguito della sua integrale notifica configuri o meno un illecito”.