- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
domenica, Luglio 3, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoAlba Adriatica, conclusi i lavori della spiaggia di alimentazione: ecco il "nuovo"...

Alba Adriatica, conclusi i lavori della spiaggia di alimentazione: ecco il “nuovo” litorale

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 20 Maggio 2022 @ 14:39

Alba Adriatica. Sono oramai conclusi, a tempo di record, i lavori di realizzazione della spiaggia di alimentazione nella zona nord di Alba Adriatica.

 

La ditta spagnola che ha effettuato l’intervento ha concluso le attività di riporto della sabbia attraverso la draga e sta smobilitando il cantiere e nel giro di pochi giorni anche i grossi tubi saranno rimossi. In anticipo rispetto ai tempi previsti, anche perchè il cantiere ha lavorato in maniera ininterrotta sulle intere 24 ore giornaliere, dunque l’opera di ingegneria marittima con rilascio controllato della sabbia, è stata completata. Gli stessi quantitativi di sabbia (circa 120mila metri cubi) sono stati riversati su circa 500 metri di litorale.

 

Davanti ad alcune concessioni, per come è stata concepita l’opera, il fronte mare è tornato ad essere quello di decenni fa. In altre, invece, bisognerà anche verificare il gioco delle correnti e gli spostamenti naturali per valutare il tutto. Una cosa è certa comunque: l’intervento da 2milioni di euro, programmato e finanziato dalla Regione, ha avuto l’effetto di rigenerare il litorale e di aprire scenari nuovi per gli operatori turistici, penalizzati da fenomeni erosivi e mareggiate devastanti.

 

Conclusa questa fase, e attesi alcuni giorni per i necessari livellamenti della quota di arenile, i titolari di concessioni demaniali potranno poi collocare gli ombrelloni e gli indicatori, in fatto di interessi e prenotazioni, sono sicuramente positivi. Tale tipo di intervento, innovativo a queste latitudini e non solo, garantisce, secondo i tecnici, una tenuta della spiaggia per 4, 5 anni. Tempo che servirà per programmare quella che è la richiesta praticamente di tutti: la previsione di barriere rigide (ossia scogli) e per le quali la Regione è al lavoro per individuare le necessarie forme di finanziamento.

 

L’INTERVISTA AL SOTTOSEGRETARIO UMBERTO D’ANNUNTIIS

 

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'