giovedì, Ottobre 6, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoAlba Adriatica, Comitato anti-erosione. Appello alla Regione: "fate presto"

Alba Adriatica, Comitato anti-erosione. Appello alla Regione: “fate presto”

Alba Adriatica. “Se vogliamo salvare Alba Adriatica bisogna intervenire subito”. La stagione balneare è oramai al capolinea e gli scenari che si profilano all’orizzonte, soprattutto in vista del periodo invernale, non sembrano i migliori.

 

E i soci fondatori del Comitato anti-erosione, che hanno visto progressivamente ridursi gli effetti della spiaggia di alimentazione lanciano un appello accorato al presidente della Regione, Marco Marsilio.

E’ necessario che intervenga urgentemente e si faccia garante per la realizzazione delle necessarie scogliere volte a difendere la nostra costa ormai martoriata dall’erosione ma soprattutto trovi una soluzione utile per cercare di salvaguardare gli stabilimenti balneari dalle mareggiate invernali, sempre più forti e pericolose, come ad esempio una radente di blocchi di cemento di fronte agli stabilimenti stessi.

Come purtroppo abbiamo constatato sulla nostra pelle durante questa stagione estiva, le scogliere parallele alla costa sono e saranno sempre l’unica soluzione efficace per contrastare il fenomeno erosivo”.

Piano difesa della costa. Di recente la giunta regionale ha approvato il piano di difesa della costa e da parte degli operatori di Alba Adriatica dare immediata esecuzione alla progettualità significa salvare il tessuto socio-economico della cittadina.

“Chiediamo a gran voce al Governatore Marsilio e alle istituzioni che la Regione Abruzzo inizi con il progetto
delle barriere parallele emerse da posizionare su tutta l’unità fisiografica. Non possiamo più aspettare e non siamo più favorevoli a nessuna altra forma di ripascimento morbido di sabbia.

È bene ricordare che il Comitato, nella lotta contro l’erosione, ha avuto il supporto di più di 4 mila persone, tra turisti e cittadini. Non vogliamo assolutamente abbandonare chi ha creduto in noi e dunque siamo aperti ad ascoltare qualsiasi forza politica che voglia farsi carico di questo “nostro” problema”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES