Teramo, Liberi cittadini 5 Stelle chiedono chiarezza per le agevolazioni sismiche

Norme più adeguate e lo slittamento di alcuni giorni per consentire alle aziende colpite dagli eventi simici di poter usufruire delle agevolazioni previste per il terremoto che ha colpito il centro Italia.

E’ quello che chiede l‘associazione Liberi cittadini 5 Stelle che, oltre a volere il ripristino di parametri indicati dalla Agenzia delle Entrate, basati su dati certi, individuabili ed immediatamente verificabili, è preoccupata per le segnalazioni provenienti da un gruppo di professionisti fiscalisti del teramano, diventata poi interpellanza parlamentare presentata dal Movimento5 Stelle.

“Occorre garantire la concessione di agevolazioni”, si legge nella nota, “prevista sotto forma di esenzioni fiscali e contributive, in favore delle imprese e dei titolari di reddito autonomo che svolgono la propria attività o che la avviano entro il 31 dicembre nella ZFU Sisma Centro Italia. Diversamente i contribuenti non vengono messi nella condizione di poter fruire dei benefici della ZFU”.

L’ Agenzia delle Entrate, infatti, inizialmente aveva emesso una circolare con delle regole precise ed era possibile ottenere ciò che lo Stato aveva previsto per gli imprenditori dei territori penalizzati dal sisma.

“Prorogare di qualche giorno i termini”, continua la nota, “e tornare a queste norme più adeguate consentirebbe anche di evitare immanchevoli errori o difformità e, conseguentemente, potenziali sanzioni ed interessi o ricorsi difensivi”.