Pescara, il ‘menù pitagorico’ chiude il Festival del Pi greco

Pescara. Si è concluso con lo speciale ‘menù pitagorico’ il Festival del Pi Greco day’ tenutosi all’Aurum in occasione della Giornata dedicata al Pi greco: si tratta di un numero approssimativo (3,14) che rappresenta la costante matematica indicante il rapporto tra la lunghezza di una circonferenza e il suo diametro.

Il Festival, giunto alla terza edizione, si è concluso con un menu dedicato a Pitagora, forse il primo vegetariano della storia, che fu influenzato anche dal buddismo.

Alle cucine, lo chef Peppe Zullo, il cuoco di Orsara di Puglia, protagonista dell’Expo nel padiglione Eataly; a concludere l’evento, un concerto finale.

Il Festival è stato organizzato dall’associazione Sinergie d’Arte, presieduta da Maria Gabriella Ciaffarini, con il patrocinio del Comune e la collaborazione di Fondazione Pescarabruzzo, Conservatorio Luisa d’Annunzio, i licei Misticoni, Galilei e da Vinci di Pescara, la Scuola Civica di Musica di Montesilvano e gli atenei che hanno preso parte questo viaggio tra le Scienze, l’Arte, la Filosofia, la Cucina.

Proseguono ‘I Concerti del Pi Greco’ sostenuti dalla Fondazione Pescarabruzzo: il prossimo appuntamento sarà il 23 marzo a Montesilvano, presso la Sala Concerti di Palazzo Baldoni.