Pescara, rubano uno scaldacollo e picchiano i commessi: fermati 2 ragazzini

Pescara. Rapinano un negozio e picchiano brutalmente il responsabile e un dipendente dell’attività che provano a fermarli; poi fuggono, ma vengono rintracciati da Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

Protagonisti della vicenda, avvenuta nel pomeriggio nel centro di Pescara, sono due sedicenni che sono stati poi arrestati. I due sono entrati in azione in un negozio multietnico dove hanno rubato uno scaldacollo. Quando il responsabile e il dipendente hanno provato a fermarli, uno dei due li ha presi a pugni, facendoli finire in ospedale.

Sono subito scattate le ricerche che hanno coinvolto anche le pattuglie del dispositivo di ordine pubblico composto da Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia Municipale, impegnate in Piazza Muzii, via Cesare Battisti e vie limitrofe per vigilare sul rispetto della normativa anti Covid.

Mentre la squadra Volante si occupava degli accertamenti nel negozio, la pattuglia dei Baschi Verdi della Guardia di Finanza, che stava presidiando via Cesare Battisti e via Mazzini, ha individuato due giovani che corrispondevano alla descrizione e li ha bloccati.

Trovati in possesso della refurtiva, sono stati portati in Questura: uno è incensurato, l’altro ha precedenti di polizia ed è da poco uscito da una comunità per minori. Riconosciuti dalle persone rapinate e da un cliente del negozio che aveva assistito al fatto, sono stati arrestati. L’autorità giudiziaria minorile ha disposto per l’incensurato gli arresti domiciliari e per l’altro la collocazione nella comunità che lo aveva ospitato fino a poco tempo fa.