Pescara, bloccato al supermercato perché senza mascherina: accoltella al volto il portiere

Pescara. Viene richiamato perché non indossava la mascherina, dà di matto e accoltella uno dei portieri che gestisce l’accoglienza del supermercato.

L’aggressione è avvenuta nel tardo pomeriggio al Carrefour di Pescara, a pochi passi dalla stazione di Porta Nuova: vittima un 37enne senegalese, dipendente di un’istituto di vigilanza con la mansione di portiere.

Ad aggredirlo è stato un suo connazionale di 32 anni, probabilmente in stato di ebbrezza, già noto alle forze dell’ordine.

Secondo una prima ricostruzione, dopo il diniego ad entrare perché sprovvisto di mascherina, il 32enne è uscito dal supermarket per rientrare poco dopo, estrarre un coltello e colpire il portiere al volto.

Sul posto è intervenuta la Croce Rossa, che ha curato il ferito e poi lo ha condotto in ospedale, e la Volante della polizia, che bloccato il 32enne e condotto in questura per l’arresto.

Sul caso interviene la Ugl Sicurezza civile, che con una nota afferma: “Più volte è stato segnalato a Prefettura e Questura che presso i centri commerciali della provincia operano sempre più spesso a causa del prezzo basso operatori con qualifica di Portieri che dovrebbero svolgere attività di Accoglienza e Cortesia, ma che di fatto svolgono a tutto tondo servizi di Vigilanza Privata addirittura con vestiario assimilabile a quello delle Guardie Giurate. Nello specifico del Carrefour queste figure svolgono servizio H24 coprendo anche l’orario notturno. Ci auguriamo che le autorità competenti sanzioneranno chi svolge servizi di vigilanza senza la regolare licenza a costi di fatto più bassi penalizzando le Guardie Giurate che con la loro professionalità e competenza sono le uniche figure adibite a questo tipo di servizio”.

 

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.