-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara, 2 anni per sperimentare la mobilità con i monopattini

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 24 Aprile 2020 @ 19:15

Pescara. Durerà due anni, per concludersi entro il 27 luglio 2022, il progetto di sperimentazione della micromobilità nella città di Pescara: la delibera è stata approvata oggi dalla Giunta comunale.

Il progetto prevede l’utilizzo di monopattini elettrici che potranno circolare sulle piste ciclabili in sede propria o su corsia riservata e nelle aree 30, in questi casi dovranno mantenere una velocità di 20 chilometri orari. Il limite sale a 25 in caso di strada urbana senza infrastrutture ciclabili e scende a sei nelle zone a traffico limitato.

Le regole per la circolazione sono, in generale, quelle stabilite nel decreto cosiddetto Milleproroghe dello scorso dicembre, che equipara i monopattini alle biciclette: no dunque al transito su tutti quegli spazi destinati esclusivamente ai pedoni.

“Per promuovere la scelta di moblità alternativa abbiamo deciso di attivare un sistema di noleggio che daremo in concessione a privati – spiega l’assessore alla Mobilità Luigi Albore Mascia – La società affidataria sarà individuata mediante avviso pubblico”.

Cinquecento i mezzi che potranno circolare in città, ma l’amministrazione si è riservata la possibilità di chiedere al concessionario un incremento collegato a particolari eventi. I mezzi a noleggio dovranno essere tutti omologati secondo le previsioni di legge e coperti da assicurazione per danni a persone e cose. Il gestore dovrà preoccuparsi anche del posizionamento delle stazioni di raccolta e ricarica dei dispositivi e delle informazioni nei confronti degli utilizzatori.

La sosta sarà consentita negli stalli che sono già destinati a biciclette e ciclomotori, o nelle immediate vicinanze qualora gli spazi fossero tutti occupati.

“Le aree urbane destinate alla sperimentazione avranno un’apposita segnaletica. – sottolinea l’assessore Albore Mascia – In un momento in cui la mobilità dolce si prepara a diventare una delle più efficaci misure anti-contagio intendiamo lavorare affinché i pescaresi prendano in considerazione tutte le possibili alternative. Dobbiamo metterli in condizione di poterlo fare in assoluta sicurezza: ricordiamo che il monopattino elettrico non può essere utilizzato da chi ha meno di 14 anni, che sotto i 18 anni è obbligatorio il casco e che per circolare di sera sono necessari  la dotazione di luci sul mezzo e abbigliamento catarifrangente. Per chi non rispetta la normativa sono previste sanzioni onerose. Inoltre, i dispositivi non omologati potranno essere confiscati. Vogliamo considerare questo momento di difficoltà come un’opportunità per iniziare a progettare il cambiamento: l’obiettivo è quello di integrare il più possibile tutti i sistemi di collegamento urbano in modo da consentire ai cittadini di muoversi in maniera sempre più fluida e sempre meno inquinante”.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate