6.5 C
Abruzzo
giovedì, Agosto 11, 2022
HomeNotizie PescaraCronaca PescaraBolognano, è di Annamaria Tabellione il cadavere ritrovato a Termoli

Bolognano, è di Annamaria Tabellione il cadavere ritrovato a Termoli

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 22 Febbraio 2018 @ 18:40

Bolognano. E’ arrivata nella serata la conferma che il cadavere ritrovato ieri pomeriggio sulla spiaggia di Termoli è di Annamaria Tabellione.

 

La donna, residente nella frazione Musellaro di Bolognano, paesino sulla Majella pescarese, si era allontanata da casa all’alba di venerdì 9 febbraio. La sua scomparsa era stata subito denunciata da familiari, il marito e i due figli, facendo mobilitare anche la trasmissione “Chi l’ha visto”.

Ieri pomeriggio il suo corpo senza vita è stato ritrovato sulla spiaggia di Termoli, all’altezza del lido “La Lampara”. La salma, composta nell’obitorio del San Timoteo in serata, è stata sottoposta a ricognizione cadaverica ed intorno alle 21, all’arrivo dei parenti della vittima in ospedale, si è sciolto ogni dubbio sulla sua identità.

Il corpo non presenta lesioni o segni di violenza. Non è, inoltre, in stato di decomposizione. Ad avvistare la donna ormai cadavere, un passante che casualmente stava passando sulla battigia. Immediato l’allarme. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 Molise, la Polizia di Stato, gli ufficiali della Capitaneria di porto. Le indagini sono condotte dal vice questore Vincenzo Sullo e coordinate dal Procuratore capo di Larino Antonio La Rana. I familiari della donna sono stati poi sentiti da Sullo, impegnato a ricostruire l’accaduto, in particolare le ultime ore di vita di Annamaria Tabellione prima della scomparsa.

La salma sarà sottoposta ad autopsia per accertare le cause della morte. In serata i familiari di Annamaria Tabellione sono stati sentiti in Commissariato per fare luce sulle circostanze della scomparsa.

Tutte le piste investigative sono aperte sulle cause del decesso: non si esclude che il corpo possa essere arrivato via mare sulla spiaggia nord di Termoli dall’Abruzzo. “In tre giorni potrebbe essere possibile, dipende dalle correnti marine – ha precisato il Procuratore di Larino Antonio La Rana -. Tre giorni non sono pochi”. “Sulle cause della morte al momento non si può dire nulla, è troppo presto. Qualcosa si potrà sapere nei prossimi giorni”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'