- EVO -

Pescara, No Vax in chiesa: “Poliziotti non bersaglio di frustrazioni”: IL VIDEO DEGLI SCONTRI

- SIDEBAR 1 -
- EVO -
Ultimo Aggiornamento: giovedì, 30 Settembre 2021 @ 15:55

Pescara. Hanno fatto il giro del web, rimbalzando anche su testate e tv nazionali, le immagini degli scontri tra polizia e gruppo di No Vax che, domenica scorsa, hanno fatto irruzione durante la messa nella Basilica della Madonna dei Sette Dolori di Pescara Colli, manifestando le loro politiche contro vaccini, mascherine e green pass.

Le immagini, pubblicate sui social e poi divenute virali, girate dal telefonino di una persona presente, mostrano le escandescenze dei manifestanti e i tentativi esagitati di bloccare gli agenti di polizia intervenuti e poi costretti all’arresto di un uomo.

LEGGI: Pescara, No Vax irrompono durante la messa senza mascherina: caos e arresti alla Madonna dei Sette Dolori

Sul caso intervengono il segretario provinciale generale della Federazione Polizia di Stato, Antonio Ronzone, e i consigliere nazionale Walter Massimiliani, con una nota in cui chiedono che “i poliziotti non siano il bersaglio della frustrazione della gente”.

I due sindacalisti ricordano che “i poliziotti non sono aguzzini” ma “operatori della sicurezza, costretti a lavorare in costante precario equilibrio tra l’adempimento del dovere e il rischio per la propria incolumità fisica”.

Ecco la nota che pubblichiamo integralmente

- EVO -

 

Il grave episodio registrato nella serata di domenica scorsa all’esterno della basilica della Madonna dei Sette Dolori a Pescara, dove una ventina dia di persone dopo aver disturbato una funzione religiosa con un’azione dimostrativa togliendosi la mascherina in chiesa e arrivando persino a minacciare il parroco e i fedeli, hanno dato in escandescenza all’arrivo degli operatori della Polizia di Stato chiamati ad intervenire, impone una seria riflessione sulla pericolosa deriva che rischia di generare l’attuale clima di tensione sociale.
Il video registrato da un telefono cellulare e ripreso dalla stampa, che documenta in maniera parziale le fasi dell’arresto immediatamente successive al primo intervento del personale della Squadra Volanti della Questura di Pescara, testimonia infatti la palese difficoltà con cui sono costretti ad operare da mesi i poliziotti che, è bene sottolinearlo, sono stati chiamati ad intervenire da altri cittadini e lo hanno fatto con la precisa finalità di
identificare i soggetti che avevano disturbato la funzione religiosa minacciando il parroco e gli altri fedeli.
In quel video, nel quale i poliziotti passano per aguzzini che, passati lì per caso, trasportano via con la forza un soggetto che viene indicato da alcuni dei presenti come presunta vittima, viene sottaciuto il fatto che si tratta delle fasi dell’arresto di un uomo che, dopo essersi reso protagonista di un’azione di disturbo violenta e intransigente, ledendo il diritto degli altri fedeli ad assistere ad una funzione religiosa, ha rifiutato di farsi identificare dall’equipaggio inviato sul posto opponendo una ferma e violenta resistenza nei confronti degli agenti, che nella circostanza sono stati anche oggetto di epiteti e minacce da parte degli altri soggetti autori delle precedenti molestie.
Nel sottolineare, ancora una volta, come le uniformi degli operatori della sicurezza siano sempre più l’obiettivo delle frustrazioni, non possiamo esimerci da manifestare la nostra solidarietà verso tutti gli operatori della sicurezza, costretti a lavorare in costante precario equilibrio tra l’adempimento del dovere, per assicurare la pacifica convivenza dei cittadini e il mantenimento dell’ordine e della sicurezza e il rischio per la propria incolumità fisica o le eventuali conseguenze giuridiche cui sono esposti.
Le circostanze sopra descritte, peraltro, trovano l’ennesima conferma in un altro episodio accaduto sempre a Pescara appena 24 ore dopo, quando un altro operatore della Squadra Volanti, intervenuto per una lite tra coniugi, è stato colpito e ferito con un corpo contundente riportando ferite guaribili in 10 giorni, mentre la donna rea dell’aggressione, tratta in arresto, è già in libertà!
I poliziotti, è bene ricordarlo, chiamati ad essere sacerdoti e spregiudicati avventurieri, psicologi ed atleti, medici e giudici o avvocati, il tutto prendendo decisioni in pochi istanti e in contesti difficili, sono anche e soprattutto donne e uomini, mogli e mariti, madri e padri”.

ALTRE NEWS --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -
Error decoding the Instagram API json

Notizie Correlate