Stato di agitazione alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 25 Ottobre 2017 @ 2:46

La Fp Cgil provinciale oggi ha indetto lo stato di agitazione del personale dirigente e del comparto della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila.

Le motivazioni della protesta derivano dal conclamato taglio dei costi del personale, stimabile ad oggi in circa 5,3 milioni e dalle evidenti ripercussioni che tale taglio comporta sia in termini di erogazione dei servizi sanitari pubblici, sia sulle condizioni di lavoro a cui sono costretti ogni giorno i lavoratori della Asl.

Infatti, così come annunciato dall’assessore Silvio Paolucci, in data 21 luglio 2017 è stata adottata la delibera di giunta regionale n. 400, con la quale nel corso di quest’anno vengono autorizzate 24 assunzioni e contestualmente vengono tagliati quasi 100 posti di lavoro. L’attuale taglio si aggiunge alla definizione della dotazione organica, già insufficiente, stabilita con deliberazione del direttore generale, e a tal proposito emerge in maniera sempre più consistente la cronica e strutturale carenza di personale in tutte le categorie professionali“, si legge in una nota della Segreteria Fp Cgil provincia dell’Aquila.

E’ inaccettabile dover assistere quotidianamente ad accorpamenti e chiusure di servizi sanitari pubblici essenziali in dispregio della garanzia del diritto alla salute e in violazione delle normative contrattuali e di legge in materia di organizzazione dell’orario di lavoro. In più si fa un massiccio ricorso al lavoro in somministrazione (personale infermieristico, ostetrico e operatori socio-sanitari), per il quale si assiste a sottoscrizioni di contratti a cadenza mensile, il più delle volte rinnovati a ridosso delle scadenze, il che rende impossibile effettuare una programmazione dei turni su base annuale“.

A quanto sinora descritto si aggiunge una reale condizione di dequalificazione professionale generata dalla cronica carenza di personale, dovendo i lavoratori svolgere diverse mansioni per garantire la continuità del servizio sanitario“, concludono.

Per questi motivi la Fp Cgil della provincia dell’Aquila dichiara lo stato di agitazione del personale dirigente e del comparto della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, attivando le procedure di raffreddamento e conciliazione ai sensi di legge.