-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Associazioni: ‘Salvare la Majella dai pascoli abusivi’

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 25 Ottobre 2017 @ 16:59

L’Aquila. Le Associazioni Salviamo l’Orso, L.I.P.U. Abruzzo e Altura hanno inviato oggi un esposto all’Ente del Parco Nazionale della Majella, al Reparto Carabinieri Forestali del Parco e al Comando Regione Carabinieri Forestale Abruzzo per chiedere di sviluppare un’incisiva azione che consenta di arginare i numerosi fenomeni di pascolo abusivo, gravemente dannosi dell’integrità degli ecosistemi e delle specie protette dal Parco e dall’Unione Europea, anche in modo da tutelare le forme di allevamento esercitate in modo equilibrato e nel rispetto della normativa.

Infatti, con il recente avvio alla monticazione del bestiame domestico nel territorio del Parco Nazionale della Majella, si sono di nuovo notati gravi danni arrecati agli ecosistemi forestali e di prateria dovuti al pascolo brado di bovini ed equini, spesso lasciati al loro destino in montagna persino anche nel periodo invernale e senza alcuna custodia.

Tale fenomeno costituisce oggi una delle principali minacce all’integrità degli ecosistemi e delle specie montane, tra le quali spicca l’orso bruno marsicano. La presenza, localmente, di grandi quantità di questi animali, liberi di muoversi senza controllo, sta infatti provocando gravi danni alle praterie naturali, agli ambienti umidi ed ai boschi di montagna di tutto il territorio del Parco, che fino a pochi decenni orsono conoscevano la presenza soltanto degli ovini, sempre ben custoditi e di gran lunga meno dannosi per l’ambiente.

È da non sottovalutare il pericolo che le patologie di un bestiame lasciato a se stesso possano essere trasmesse ai pochi individui di orso che frequentano il parco, tra l’altro considerata una delle minacce piu gravi alla conservazione della specie, che il Patom (Piano per la tutela dell’orso marsicano), l’ex Corpo Forestale dello Stato inquadrato oggi nell’Arma dei Carabinieri e la Regione Abruzzo si sono impegnati a contrastare vigorosamente anche e sopratutto alla luce dei gravi episodi registrati nella Marsica e nel territorio del Pnalm negli scorsi anni.
Si fa riferimento, per chi non ricordasse, ai ripetuti casi di Tbc bovina , di maltrattamenti agli animali e di macellazioni clandestine. Oltre che dannoso, il pascolo brado e/o nel bosco e’ vietato da norme di carattere generale e dalla Legge Regionale n. 3/2014. Cosi’ in un comunicato l’Associazione “Salviamo l’orso”.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate