Comune L’Aquila, criteri applicazione canoni Progetto Case

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 2 Novembre 2017 @ 4:35

L’Aquila. La giunta comunale, su proposta deliberativa del sindaco Massimo Cialente, ha trasmesso al Consiglio una proposta deliberativa contenente i criteri per l’applicazione dei canoni concessori di alloggi del progetto Case e Map, “in adeguamento – come si legge nel testo – alle recenti disposizioni normative (legge 164 del 2014)”.

Il documento prevede un canone di compartecipazione, per le spese di gestione e manutenzione, assimilabile alle “spese condominiali”, che dovrà essere corrisposto da tutti gli assegnatari, pari a 60 centesimi al metro quadro di superficie dell’alloggio. E’ previsto, inoltre, un canone di locazione che dovrà essere corrisposto, in aggiunta al primo, da tutti coloro che, alla data del sisma, occupavano un’abitazione, risultata danneggiata, a titolo di godimento, escludendo quindi, oltre ai proprietari, anche i comodatari.

Quest’ultimo canone è stabilito in 15 euro mensili per fasce di reddito Isee fino a 7mila euro annui, in 25 euro mensili per fasce Isee da 7.001 fino a 10mila euro annui e in 50 euro per fasce Isee da 10.001 a 12mila euro annui. Per redditi Isee superiori ai 12mila euro annui l’affitto è calcolato a seconda della zona nella quale si trova l’alloggio, indipendentemente dalla fascia di reddito.

L’Amministrazione Comunale ha inoltre disposto la cessazione delle forme onerose di assistenza alla popolazione alla data del 31 marzo 2015, dettando gli indirizzi per la sostituzione di tali forme di assistenza con l’allocazione presso gli alloggi del Progetto C.A.S.E. e M.A.P.

Nel dettaglio, il provvedimento stabilisce che il Contributo di Autonoma Sistemazione cessi alla data del 31 marzo 2015 e che, da quel momento, non vengano concesse ulteriori proroghe dei contratti di locazione temporanea in Affitto concordato, Fondo immobiliare e di quelli afferenti all’Accordo Quadro tra Comune dell’Aquila, Comune di Barete e soc. Lode srl.

Ai beneficiari delle suddette forme di assistenza onerosa, è stata pertanto notificata la cessazione delle stesse alla data del 31 marzo 2015, invitandoli, laddove interessati all’assegnazione di un alloggio del Progetto C.A.S.E./M.A.P., in sostituzione della forma di assistenza onerosa di cui beneficiano, a recarsi presso gli uffici comunali dell’Assistenza alla Popolazione, siti in Via Rocco Carabba 6, nel rispetto dei seguenti orari: Lunedì e Giovedì 9:30-13:30; Mercoledì 15:30-17:30.

Le assegnazioni agli aventi diritto avverranno previa verifica dei requisiti di legge e nel rispetto della composizione numerica del nucleo familiare, tenendo conto della volontà degli stessi.
Per eventuali informazioni o chiarimenti gli interessati possono rivolgersi agli uffici dell’Assistenza Popolazione, nei giorni e negli orari sopraindicati.

L’Avviso della cessazione delle forme onerose di assistenza alla popolazione post sisma è disponibile sul sito del Comune dell’Aquila, all’indirizzo:

http://www.comune.laquila.gov.it/index.phpid_oggetto=18&id_cat=0&id_doc=1030&id_sez_ori=0&template_ori=3&&gtp=1