- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
mercoledì, Luglio 6, 2022
HomeNotizie ChietiPolitica Chieti'La giunta Di Prinzio approva il bilancio delle tasse', la denuncia di...

‘La giunta Di Prinzio approva il bilancio delle tasse’, la denuncia di Guardiagrele il bene in comune

Ultimo Aggiornamento: domenica, 5 Giugno 2022 @ 18:45

“Una stangata da quasi mezzo milione di euro”

Guardiagrele. “Il 2022 è l’anno delle tasse e della stangata: mezzo milione di euro in più a carico di cittadini, famiglie e attività economiche con una responsabilità politica evidente tutta dell’amministrazione Di Prinzio, a partire dal sindaco e dall’assessore al bilancio Pierluigi Dell’Arciprete”.

Così il gruppo “Guardiagrele il bene in comune” con Marilena Primavera, Ambra Dell’Arciprete e Simone Dal Pozzo all’indomani del consiglio comunale del 30 maggio che ha approvato il bilancio di previsione per il 2022.

Il documento è passato nonostante la bocciatura dei consiglieri della Lega Nello Iacovella e Evelina Odorisio, l’uscita dall’aula della consigliera Gianna Di Crescenzo e il voto contrario dei consiglieri di “Guardiagrele il Bene in comune”.

“La scelta politica di Di Prinzio di dichiarare il dissesto si è rivelata per quella che avevamo previsto un anno fa – si legge nella nota del gruppo di opposizione -: una batosta che Guardiagrele non aveva mai visto”.

La nota riassume i numeri della manovra.

“Stiamo parlando di una stangata di quasi mezzo milione di euro tra aumenti e tagli di spesa: rispetto allo scorso anno per l’IMU è prevista una entrata aggiuntiva di 180.000 euro; per il canone di occupazione suolo pubblico e pubblicità, un aumento di 20.000 euro; per multe e contravvenzioni un incremento di 50.000 euro. A questi numeri – prosegue la nota – bisogna aggiungere anche ulteriori 150.000 euro per la TARI, la abolizione delle esenzioni per alcuni servizi sociali prima erogati senza alcuna compartecipazione da parte dei beneficiari.

La giunta – precisa il gruppo consiliare – aveva garantito che la dichiarazione di dissesto non avrebbe comportato conseguenze, sostenendo che tutto era già al massimo e magari questa convinzione ha incoraggiato una scelta tutta politica, pensata e messa in atto al solo scopo di colpire la precedente amministrazione.

Fatto sta che oggi sindaco e assessori sono smascherati anche davanti alla loro stessa maggioranza perché le dichiarazioni circa il fatto che nessuna tassa sarebbe aumentata è smentita dai loro stessi atti e soprattutto dalle bollette che i cittadini stanno ricevendo.

E se le entrate non saranno quelle previste – si legge ancora nella nota dell’opposizione – allora vorrà dire che questo bilancio è praticamente falso e non credibile. Insomma, comunque la si metta, la giunta certifica le sue menzogne che si uniscono a quelle su ciò che il dissesto costerà alle casse del comune.

Nessuno – precisa la nota – ha mai detto che i commissari avranno un compenso di circa 130.000 euro e che il comune sborserà altri fondi per pagare personale dedicato al lavoro dei liquidatori.

Ci troviamo di fronte ad un castello di accuse e di valutazioni che, nella migliore delle ipotesi, sono la certificazione della incompetenza di una giunta che, anziché risolvere i presunti problemi, porta i libri in tribunale e precipita la città in un immobilismo mai visto.

E mentre si chiedono soldi in più e se ne spendono per progetti inutili, Guardiagrele purtroppo è inguardabile – denuncia la nota – immersa in un degrado indicibile, con nessuna prospettiva per valorizzare turismo e cultura a causa dell’azzeramento dei contributi e con esigue previsioni di spesa”.

Dopo l’approvazione il bilancio dovrà essere verificato dal Ministero prima di essere definitivamente adottato. “Ma intanto – chiude la nota – le tasse, in alcuni casi triplicate, dovranno essere pagate!”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'