Sergio Castellitto: ‘Roma è la mia città in tutti i sensi. Anch’io, come Fortunata, provengo da quella periferia’

Pordenone. Ci sta tutto ed è meritatissimo il successo di Fortunata, film che nasce da una perfetta collaborazione tra l’attore e regista Sergio Castellitto e sua moglie, la scrittrice Margaret Mazzantini.

Presentato in occasione della XVIII edizione di Pordenonelegge, Festa del libro con gli Autori, tenutasi nella splendida città friulana da mercoledì 13 a domenica 17 settembre 2017, il film sceneggiato proprio dalla Mazzantini ha fatto il pieno di consensi da parte del pubblico e della critica specializzata presente la sera di sabato 16 settembre al Teatro Verdi, in occasione dell’incontro curato in collaborazione con Cinemazero dal tema “La vita, tra scrittura e cinema”.

Tanti gli applausi per Sergio Castellitto, ospite della rassegna culturale, insieme a Margaret Mazzantini. Alla domanda del giornalista teatino Stanislao Liberatore, su come mai la scelta di ambientare il film sia caduta sulla periferia di Roma, Castellitto ha risposto: “Roma è la mia città in tutti i sensi; nell’amore, nell’odio, nell’adorarla, nel detestarla… Ho scelto quei posti perché sono i luoghi di un cinema che mi ha formato che è quello di Pasolini, di Fellini, di Scola e poi io nasco e provengo proprio da un quartiere di Roma Est”.

Francesco Rapino