- EVO -

Covid-19, vaccinazioni ‘on the beach’ a Fossacesia e San Vito

- SIDEBAR 1 -
- EVO -
Ultimo Aggiornamento: venerdì, 20 Agosto 2021 @ 16:35

Chieti. Una settimana di vaccinazioni “on the beach”, in orario serale, senza prenotazioni e aperte a tutti. Questa la nuova iniziativa della Asl Lanciano Vasto Chieti, che a partire da lunedì 23 agosto diversifica l’offerta per facilitare l’adesione alla campagna vaccinale soprattutto in alcuni Comuni che non hanno raggiunto il 70% di persone che abbiano ricevuto almeno la prima dose. Fossacesia e San Vito sono le località prescelte, dove i vaccini saranno somministrati presso le rispettive sedi di medicina turistica dalle ore 16.00 alle 21.00, per dare a tutti la possibilità di immunizzarsi senza sacrificare una giornata di mare. Gli ambulatori si trovano a Fossacesia sul Lungomare, nell’ex Scuola materna, dove le vaccinazioni saranno effettuate lunedì, mercoledì, venerdì e domenica, e a San Vito, lungomare Sud Ericle D’Antonio di fronte ex stazione, nelle giornate di martedì, giovedì e sabato. Sarà impiegato il personale Asl, mentre a regolare il flusso delle persone provvederanno i volontari, come accade abitualmente negli hub vaccinali.

“L’accesso è aperto a tutti, anche se guardiamo con particolare attenzione a giovani e giovanissimi – sottolinea il Direttore generale Thomas Schael – in vista della riapertura delle lezioni in presenza sia a scuola che nelle università. Se si coglie questa opportunità si riesce a chiudere il ciclo con la seconda dose giusto in tempo per la ripresa delle attività scolastiche, e affrontare il nuovo anno con maggiore serenità. Senza voler utilizzare gli appelli alla paura è però necessario un richiamo alla stretta attualità di questi giorni che riguarda proprio la nostra realtà locale: abbiamo giovani trasferiti in terapia intensiva, le cui condizioni critiche hanno determinato la scelta dell’intubazione. Non erano vaccinati. Sono quindi di tutta evidenza i rischi di malattia grave a cui si espone chi non è immunizzato, senza dire, poi, che le persone vaccinate, in caso seppur remoto di infezione, sono portatori di una carica virale bassa, che si trasmette con minore facilità e non espone i contagiati alle conseguenze più preoccupanti della malattia”.

“Un buon risultato – afferma il Sindaco Enrico Di Giuseppantonio -, anche se per la verità, ci attendevamo una maggiore affluenza. Tramite i social e in altre forme di comunicazione, ho invitato più volte la popolazione ad aderire alla campagna vaccinale, perché questa era ed è lo strumento, la via per gestire la pandemia e per far riguadagnare a tutti le nostre piene libertà. L’impegno dell’Amministrazione comunale, dei medici, infermieri e dei volontari del Gruppo di Protezione Civile Comunale è stato grande, assicurando la propria presenza e disponibilità verso gli altri. Uomini e donne che hanno lasciato le proprie famiglie, hanno trascorso giorni che avrebbero potuto dedicare ad altro pur di non far venire meno la loro preziosa collaborazione, nel bene di tutti. A loro va il mio profondo ringraziamento per quanto fatto finora. Come sindaco, invito tutti a sconfiggere il nemico silenzioso che è il Covid, che continua ad annidarsi nella popolazione nonostante si sia fatto molto per debellarlo. La scelta di vaccinarsi e sostenere la vaccinazione tra la popolazione è una scelta di civiltà, che contribuisce a far ritornare alla normalità tutta la nostra comunità. Non ci sono motivazioni scientifiche, morali, ideologiche che ostacolano o impediscono alle persone di vaccinarsi. Ogni dose somministrata è un passo concreto verso la normalità, e in difesa degli altri”.

-- ALTRE NEWS 0 --
-- ALTRE NEWS 1 --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -

Notizie Correlate