Ripa Teatina, Premio ‘Storie di Sport’: vince Giuseppe Zarrella con il racconto ‘Pubblicità’

Ripa Teatina. Conclusasi la IV edizione del Premio Letterario “Storie di Sport”, organizzato dalla Scuola Macondo – l’Officina delle Storie con il contributo del Comune di Ripa Teatina.

Ad aggiudicarsi la vittoria, nonché il montepremi di 1000 euro, è stato Giuseppe Zarrella di Cava de’ Tirreni (SA). Zarrella ha vinto con il racconto “Pubblicità”, un testo nel quale, tramite lo sport, è riuscito anche ad affrontare il tema dell’immigrazione, in una potenziale gara di nuoto tra un atleta in piscina e un migrante in mare. Al secondo posto si è classificato Antonio Lamorte di Rapone (PZ) con “Il cielo in un ring” mentre al terzo posto è salito Adriano Pugno di Montefiascone (VT) con “Numero 12”.

Il racconto di Zarrella ha conquistato la vittoria dopo aver superato i 150 partecipanti di quest’anno e dopo essere stato valutato da una giuria di esperti e professionisti del mondo editoriale, composta da: Loretta Santini (Direttrice Editoriale Elliot), Francesca Chiappa (Hacca Edizioni), Francesco Coscioni (Neo Edizioni), Raffaele Riba (editor e scrittore), Lorenza Stroppa (editor Ediciclo Editore e scrittrice), Roberto Di Pietro (Agente Letterario Edelweiss), Athos Zontini (scrittore e scout per la rivista Achab), Patrizia Angelozzi (Angelozzi Comunicazione) e Paolo Primavera (Edicola Ediciones).

La Scuola Macondo ha inoltre assegnato quattro borse di studio trimestrali per i suoi corsi ai partecipanti abruzzesi più meritevoli. I vincitori di quest’anno sono Daniele Berardi, Stefano D’Elia, Angelo Gattafoni e Liliana Rullo.

La cerimonia di premiazione, avvenuta lunedì 31 agosto a Ripa, è stata presieduta da Peppe Millanta, ideatore del Premio, e da Gianluca Palladinetti, assessore del Comune di Ripa nonché promotore del Festival Rocky Marciano. Nel corso della serata sono stati presenti il portiere della Nazionale italiana di calcio a cinque Stefano Mammarella e il giornalista Orlando D’Angelo che, intervistato dal giornalista Luciano Rapa, ha presentato il suo libro “Il portiere più forte del mondo”, dedicato proprio al portiere abruzzese. Uno spazio è stato dedicato anche al Maestro Luciano Primavera, l’artista abruzzese che ha realizzato la statua di Rocky Marciano che attualmente si trova proprio a Ripa Teatina. Al Maestro è stato assegnato un riconoscimento per la sua lunga e produttiva carriera.

La manifestazione, realizzata con il contributo di Saquella Caffè, è patrocinata da Il Centro Quotidiano d’Abruzzo, Regione Abruzzo, CONI Abruzzo ed Endas.

Appuntamento al prossimo anno con la V edizione del Premio Storie di Sport, il cui bando verrà diffuso nelle prossime settimane.