Obiettivo Mosciano chiede chiarezza su riqualificazione parchi, disabilità e reddito di cittadinanza

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 28 Luglio 2021 @ 17:48

Mosciano. Il gruppo d’opposizione “Obiettivo Mosciano”, nei giorni scorsi, ha presentato in Comune due mozioni e un’interrogazione: “I documenti, da noi proposti, hanno un focus importante su quello che è la vivibilità del nostro paese. Un paese che spesso vive uno stato di abbandono, prodotto da una sostanziale noncuranza del bene pubblico da parte dell’amministrazione comunale, a partire da quella che è la semplice manutenzione ordinaria”.

“In questo contesto si inserisce la mozione sui parco giochi, con la quale chiediamo che venga predisposto un ‘Piano programmatico di riqualificazione’ delle aree verdi, che comprenda un’opera di monitoraggio, riparazione, sostituzione ed integrazione degli arredi e delle strutture preesistenti, ma anche la progettazione, ex novo, di alcune aree, soprattutto al fine di favorire maggiori opportunità di gioco e svago per i bambini con disabilità. È risaputo che le aree verdi del nostro territorio hanno fatto mostra di una mancanza di attenzione da parte dell’amministrazione comunale, mostrando spesso situazioni a dir poco oscene come la presenza di siringhe, rifiuti e topi. Ma non si può chiedere troppo ad un Comune che non è capace di garantire nemmeno il regolare sfalcio dell’erba, sintomo di una lentezza e mancanza di attenzione. Per questo abbiamo chiesto, inoltre, che l’amministrazione coinvolga la cittadinanza per avviare un percorso di riqualificazione dei parchi. In particolare che venga istituito un regolamento che permetta a privati, imprese, comitati di quartiere o associazione di “adottare” elementi di arredo delle aree verdi, contribuendo, così, all’acquisto e all’adozione di nuove strutture. Che sia chiaro, con una buona amministrazione tutto ciò non sarebbe necessario, ma questo è!”

I consiglieri Cianella, Baldini, Lallone e Iezzi ha presentato anche una mozione per chiedere l’istituzione di una consulta sulla disabilità per politiche a favore delle persone disabili, al fine di svolgere funzioni di impulso e di sostegno alla realizzazione di politiche per la disabilità. “Essa dovrebbe, quindi, avere un importante ruolo in tantissimi aspetti inerenti il tema della disabilità come potrebbe essere il diritto allo studio, occupazione, informazione, mobilità e accessibilità ai luoghi aperti al pubblico, nonché alle attività ludico sportive.
Attraverso questo strumento si potrebbero elaborare soluzioni condivise per affrontare i tanti problemi che si possono presentare sul nostro territorio”.

“Infine abbiamo presentato – aggiungono – un’interrogazione su quella che è la situazione dei percettori del reddito di cittadinanza a Mosciano. In particolare il nostro interesse è rivolto all’impiego dei beneficiari del RdC per lavori di pubblica utilità. I PUC sono uno strumento utile e un’occasione di inclusione e crescita per i beneficiari e per la collettività; pertanto auspichiamo la loro attivazione nel più breve tempo, visto che tanti altri comuni della nostra provincia si sono già attivati. Questi cittadini sono un’importantissima risorsa per contrastare problematiche del nostro territorio e per supplire a mancanze che obiettivamente sono presenti a Mosciano Sant’Angelo. I quesiti che abbiamo presentato sono: quanti sono i cittadini che percepiscono il Reddito di Cittadinanza nel nostro territorio,, sia coloro che hanno fatto richiesta in Comune sia coloro che hanno acquisito il RdC facendo domande in altre sedi preposte; entro quando si approveranno i progetti; Quali saranno gli ambiti nel quale l’Amministrazione intende impiegare i soggetti
interessati dai PUC”.

“Questo è quanto; seguiranno sicuramente aggiornamenti su quando questi documenti verranno discussi all’interno della massima assise civica. Ci permettiamo un ultimo commento a chi parla di una opposizione poco costruttiva, parlano i fatti e le azioni che si propongono. Noi ci siamo e ci saremo sempre dalla parte dei cittadini moscianesi, perché Mosciano merita molto di più”, concludono i consiglieri d’opposizione.