-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Abruzzo, Comitato di Sorveglianza: al via Fondo sociale europeo, priorità a sociale

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 5:31

Pescara. La nuova stagione del Fondo sociale europeo ha preso il via oggi a Pescara in occasione della riunione del Comitato di sorveglianza, l’organismo che sovraintende e valuta l’effettiva attuazione del programma.

Sul piatto dei finanziamenti ci sono 142 milioni di euro che l’Europa, nell’ambito dei fondi strutturali, ha messo a disposizione dell’Abruzzo per operare sul sociale e sulle politiche del lavoro. Sui fondi strutturali l’Abruzzo si gioca gran parte dello sviluppo futuro sul territorio e questo lo hanno ribadito i due assessori, Marinella Sclocco e Andrea Gerosolimo, che hanno aperto la riunione del Comitato di Sorveglianza.

“Abbiamo l’obbligo di spendere bene tutte le risorse che ci sono state assegnate – ha detto Gerosolimo – ma soprattutto dobbiamo fare in modo che ogni centesimo dei 142 milioni di euro si trasformi in prodotto interno lordo con la certificazione di un’economia in crescita.

Percorso difficile – ha aggiunto Gerosolimo – ma non per questo impossibile, che può essere realizzato solo se siamo attenti e oculati e se si pone la dovuta attenzione su ogni aspetto del Fondo sociale. L’uscita differita dei nuovi bandi ha anche questa chiave di lettura: l’attenzione massima per un appuntamento al quale la Regione Abruzzo non può commettere errori”.

Che il Fondo sociale europeo sia “la grande occasione”, lo ha sottolineato anche l’assessore alle Politiche sociali, Marinella Sclocco, che già in fase di presentazione del programma aveva apprezzato la scelta di “un Fse che guarda all’inclusione sociale, alla lotta alla povertà e alle pari opportunità”. “Dobbiamo avere chiari gli obiettivi – ha detto l’assessore Marinella Sclocco – perché solo in questo modo la programmazione potrà avere la sua regolare fluidità . In questo senso, stiamo facendo in modo di unire il nuovo Piano sociale all’Fse, nella parte dell’Inclusione sociale e delle Pari opportunità. Perché tutto deve essere utile per raggiungere gli obiettivi sul sociale e sul lavoro e soprattutto perché si possono differenziare le politiche sociali in ragione della provenienza delle risorse finanziarie”.

“La programmazione dell’Abruzzo sull’Fse 2014-2020 ha tutte le carte in regola per diventare modello di riferimento”. Lo ha detto il Rapporteur della Commissione europea per l’Fse, Franco Rinaudo, che questa mattina ha preso parte al Comitato di sorveglianza.

“Quello che ho visto nella programmazione 2014-2020 – ha spiegato Franco Rinaudo – è qualcosa di nuovo rispetto al passato e presenta elementi di forte rottura, nel senso di concentrare gli sforzi su idee nuove che non servono solo a certificare la spesa ma a creare risultati di qualità destinati a durare nel tempo”.

L’impostazione dunque voluta dalla Regione Abruzzo all’Fse sembra trovare il pieno sostegno della Commissione europea. “E’ un dato da non sottovalutare – ha aggiunto Rinaudo – nel senso he questa programmazione abruzzese segna un’inversione di tendenza non solo rispetto all’Abruzzo stesso ma anche in relazione alla programmazione delle altre regioni. Per cui non si tratta di un passaggio scontato, ma di una felice realtà che questo Comitato di sorveglianza ha confermato”.

Rinaudo ha voluto porre l’accento anche su alcuni interventi legati all’occupazione giovanile “che hanno ottenuto un riscontro occupazionale in grado di consolidarsi nel tempo”. L’esperienza dell’Fse abruzzese potrebbe dunque diventare modello di riferimento. “Mi piacerebbe portare l’esempio di questa regione – ha concluso il Rapporteur – come di una regione che ha approcciato in maniera diversa all’idea di politiche sociali e del lavoro nella programmazione del Fondo sociale europeo”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,934FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate