-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Elezioni Roseto, Ciancaione si sospende dal PD: ora possibile candidato di Scelta Civica e Sinistra?

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 26 Ottobre 2017 @ 23:53

Roseto. Rosaria Ciancaione, attraverso una nota, ha comunicato l'”immediata autosospensione dal Partito Democratico e dai ruoli di componente del direttivo dell’Unione comunale e dell’assemblea regionale. Fino a un mese fa mai avrei immaginato di scrivere questa lettera perché credo che il Partito Democratico mi rappresenti nei valori e nei principi costitutivi. Ma un partito che si propone di rappresentare lo sviluppo e la realizzazione dell’Ulivo come soggetto e progetto di centrosinistra non può permettersi di isolarsi, come accade a Roseto, allontanandosi da tutte le altre forze del centrosinistra”.

Secondo Ciancaione “la mancanza di una coalizione in vista delle prossime elezioni comunali,  come a più riprese ho fatto presente nel direttivo dell’Unione, non è accettabile ne’ condivisibile.  In più di una riunione qualcuno, anche tra i ‘decani’ del partito, si è chiesto come mai a Roseto il PD non riesca a recuperare attrattività’ o perché una coalizione con le altre forze del centrosinistra, che sembrava cosa fatta, addirittura annunciata il  27 luglio scorso, si sia dissolta come neve al sole in meno di un mese.  Domande che impongono  una riflessione, un approfondimento critico, perché se ci si limita a “raccontare” l’accaduto,  senza cercare di capire  le cause (interne o esterne che siano), vuol dire che c’è rifiuto al confronto e che, mai, per tornare al punto,  saranno comprese le ragioni  di questo difetto di attrattività.  Nel 2011 l’isolamento del PD ebbe la pesante conseguenza della sconfitta elettorale e la Città, guidata dal centrosinistra sin  dal 1974, a partire dall’amministrazione del Sindaco Giovanni Ragnoli, fu  consegnata nelle mani del centrodestra”.

Per non ripetere gli errori di cinque anni fa Rosaria Ciancaione sarebbe pronta per  “lavorare con impegno e convinzione  insieme alle altre forze del centrosinistra, per costruire un progetto politico che si muova intorno al cittadino e  che ascolti la voce del popolo,  della gente comune. Non posso essere d’accordo con la linea suicida che ha sposato la segreteria decidendo di andare avanti da soli, a prescindere da una coalizione, da un’alleanza per il governo della Città.  Io credo che questo abbia a che vedere con una visione limitata dello scenario politico rosetano e non penso che basti dire  “gli altri verranno”, come qualcuno sostiene nel partito, perché per aggregare e mettere insieme idee e progetti occorrono pari dignità e, soprattutto,  un pizzico di umiltà. Non voglio, infine,  entrare nel merito dei fatti accaduti al momento della preparazione delle primarie e di come si sia arrivati ad approvare a maggioranza (non all’unanimità) il relativo regolamento. Sarebbe troppo avvilente ma da ciò che si è verificato ho avuto la chiara dimostrazione che il Partito Democratico a Roseto non ascolta, non condivide, non coinvolge”.

Per Rosaria Ciancaìone “allo stato, l’unica decisione possibile per me sia l’autosospensione”. Un ultimo tassello prima di candidarsi come sindaco della coalizione di centrosinistra, senza il PD.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate