Tortoreto, Imu piattaforma Eni: la giunta nomina un legale per incassare gli arretrati

Tortoreto. Il Comune nomina un legale per avviare le procedure di riscossione, facendo valere la recente sentenza della commissione tributaria provinciale che ha condannato l’Eni a versare nelle casse municipali oltre 600mila euro di Imu per gli anni che vanno dal 2012 al 2015.

 

Sulla scorta del contenzioso nato dinanzi alla commissaria tributaria, infatti, l’Ente ha deciso di affidarsi ad un legale per procedere alla riscossione delle somme, alla luce della sentenza di primo grado.

Entro il mese di marzo, in linea teorica l’Eni, proprietaria della piattaforma marina di estrazione del gas, potrebbe ricorrere in appello, ma la giunta municipale ha già dato mandato ad un avvocato di avviare l’iter per incassare la cartella esattoriale.

 

Sempre sulla scorta della recente sentenza, nell’ottica del recupero dei tributi non incassati, la macchina amministrativa ha avviato l’accertamento, sempre nei confronti della piattaforma di estrazione dei gas, per ulteriori 400mila euro, per le annualità 2016 e 2017.