Tortoreto, attrezzature e giochi da rimuovere dalla spiaggia: i provvedimenti

Tortoreto. Parchi gioco smantellati, chalet controllati (alcuni anche multati), che dovranno smontare alcune pertinenze.

 

E anche il Comune ha dovuto rimuovere, dall’arenile, i grossi tubi utilizzati per canalizzare gli scarichi delle cosiddette cavate a mare. In questi giorni il litorale di Tortoreto è stato oggetto di una serie di controlli da parte della guardia costiera. Tutto sarebbe nato dalle segnalazioni, arrivate anche in consiglio comunale, sulla questione delle dune artificiali per la protezione delle strutture balneari.

Controlli negli chalet. Gli uomini della guardia costiera hanno effettuato un capillare controllo in tutte le strutture balneari e in diversi casi sarebbero state rilevate delle piccole incongruenze che produrranno delle sanzioni. Qualche concessionario ha già smontato gazebo e piccole attrezzature rimaste in spiaggia, degli altri lo potrebbero fare nei prossimi giorni. In ogni caso, saranno notificate anche delle sanzioni.

L’esposto. Tra i provvedimenti adottati di recente c’è stato anche l’ordine ai titolari di due concessioni temporanee sull’arenile, dove vengono collocati i giochini estivi, di smantellare le strutture presenti sull’arenile. Tutto è partito dall’esposto di un privato cittadino. Va detto che le autorizzazioni in essere hanno una durata di 180 giorni e alla fine della stagione vanno rimosse le attrezzature temporanee. Questo non sempre è accaduto di recente. Ora, con la segnalazione, i concessionari hanno dovuto liberare l’arenile e poi rimontare il tutto quando il nulla-osta sarà nuovamente operativo, tra un paio di mesi.

Altre attrezzature. La guardia costiera ha imposto anche all’Ente di rimuovere alcuni tubi presenti sulla sabbia e che vengono utilizzati nei periodi di “bonazza” per allungare gli scarichi piovani verso il mare. Gli attrezzi sono stati rimossi e portati in magazzino e saranno riposizionati sulla spiaggia all’occorrenza. A breve anche i relitti di imbarcazioni presenti in alcuni tratti della riviera andranno rimossi.