Silvi, suona la campanella nell’Istituto Comprensivo ‘Pascoli’: il saluto del Sindaco Scordella

Silvi. Suona la campanella nelle scuole dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” di Silvi e per inaugurare questo nuovo e ‘speciale’ anno scolastico il Sindaco Andrea Scordella ha salutato studenti e insegnanti con una lettera d’auguri.

“Con la riapertura delle scuole, è arrivato il giorno della ripresa normale del percorso formativo in classe interrotto a marzo e tenuto in qualche maniera vivo grazie all’impegno della dirigenza scolastica, dei docenti, delle famiglie e degli alunni mediante la didattica a distanza. Si è trattato di un periodo davvero eccezionale durante il quale abbiamo sperimentato un nuovo modo di vita, completamente diverso da quello a cui eravamo abituati. Una esperienza per certi versi traumatizzante e per altri versi significativi per la crescita di ciascuno di noi. A Silvi abbiamo dato dimostrazione di grande senso di responsabilità e di rispetto per noi stessi e per gli altri, attenendoci, nella stragrande maggioranza, alle regole che gli scienziati e le istituzioni ci imponevano. Questo atteggiamento virtuoso ci ha consentito di contenere al massimo il contagio e di essere classificati come una delle città meno colpite dal Covid-19.

Il 24 settembre, data che resterà scritta nella storia di Silvi, inizia una nuova avventura che dà il via al ritorno alla normalità, anche se siamo consapevoli di non essere ancora del tutto fuori da rischi e da pericoli. Siamo, però, convinti di aver maturato una buona esperienza. A questo si aggiunga che possiamo contare su una scuola di qualità garantita dalla dirigente scolastica, da un corpo docente qualificato e professionalmente aggiornato, da metodologie educative moderne, da genitori che partecipano attivamente alla vita della scuola e seguono con attenzione i processi di apprendimento. Queste sono le basi su cui si potrà costruire il futuro della nostra città perché la scuola è soprattutto il luogo in cui si preparano i ragazzi e i giovani alla vita e non solo uno strumento per dotarli di un diploma o di una laurea.

L’invito che sento di rivolgere a ciascun alunno è di impegnarsi seriamente per non deludere le aspettative di noi adulti, perché è da loro che passa il processo della crescita e dello sviluppo della nostra città. Da parte mia e dell’intera amministrazione comunale assicuro l’impegno a garantire sempre la nostra presenza attiva, la collaborazione, il sostegno a tutte le iniziative che la scuola promuoverà e la fornitura di tutti i servizi che sono di nostra competenza. Buon anno scolastico, dunque, a tutti: dirigente scolastica, corpo docente e non docente, genitori e alunni. Un anno che, ci auguriamo di cuore, segni il ritorno alla piena normalità e un trampolino di lancio verso un futuro radioso, soprattutto per i nostri figli”.