-- HEADER MASTHEAD DESK 2 --
-- HEADER MASTHEAD MOB 1 --

Santuario di San Gabriele, il concetto di prossimità al centro del Giubileo degli ammalati

- SIDEBAR 1 -
Ultimo Aggiornamento: sabato, 4 Settembre 2021 @ 14:30

Isola del Gran Sasso. Si è svolto questa mattina al Santuario di San Gabriele dell’Addolorata il Giubileo degli ammalati e degli operatori sanitari, incentrato sul tema “La prossimità via per una nuova cultura della salute”.

Ad aprire i lavori, che si collocano all’interno dei festeggiamenti per il centenario della canonizzazione del Santo patrono d’Abruzzo, i saluti del sindaco di Isola del Gran Sasso Andrea Ianni e di quello di Teramo, Gianguido D’Alberto, in qualità di presidente del comitato ristretto dei sindaci. Ad entrare nel vivo del tema il vescovo di Teramo-Atri Lorenzo Leuzzi, che ha fortemente voluto questo Giubileo e che ha invitato tutti i presenti a “fare di più” per aiutare i malati.

A seguire, l’intervento del direttore generale della Asl di Teramo, Maurizio Di Giosia. “L’azione dell’attuale direzione strategica della Asl”, ha dichiarato, “è imperniata sul concetto di umanizzazione delle cure: è prioritario fare in modo che il paziente non sia solo l’oggetto delle terapie, ma un soggetto che va trattato con più umanità e rispetto proprio perché è ammalato e quindi bisognoso di protezione e accudimento. Ecco quindi che torna quella “prossimità” che è stata posta dalla Chiesa teramana al centro di questo Giubileo: stare vicino al malato, occuparsi di lui non solo dal punto di vista biologico ma anche dal punto di vista psicologico e relazionale”. Di Giosia ha anche annunciato che la Asl ha attivato ambulatori di prossimità a Bisenti e Mosciano e siamo in attesa di reperire il personale infermieristico per quelli di Castel Castagna e Tossicia e successivamente di Cellino Attanasio. Questo tipo di ambulatori si trova nelle zone periferiche e vi lavorano i medici di medicina generale, la nuova figura degli infermieri di famiglia o di comunità (è in conclusione la procedura per assumerne 24) e alcuni specialisti delle branche più richieste. Tutto questo per essere sempre più vicini al cittadino.

L’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, nel suo intervento ha annunciato che “dopo anni di tagli, in cui la fragilità è stata messa in second’ordine, la “prossimità” sarà la nuova lettura della sanità”. In sostanza si tratta di un radicale cambiamento in cui “il sanitario andrà a casa del paziente e sul territorio sarà creata una rete di 28 Case della salute che daranno servizi ai cittadini”, ha aggiunto l’assessore che ha ricordato anche come il sistema della condivisione delle procedure abbia portato ad avere ottimi risultati nella gestione della pandemia.

Gianguido D’Alberto, presente anche come Presidente del Comitato Ristretto dei Sindaci, ha rimarcato come “il diritto alla salute, il diritto alla cura, vadano garantiti attraverso un sistema che contempli prossimità e vicinanza quali direzioni da perseguire congiuntamente. L’infinito impegno profuso, negli ultimi mesi, da tutti gli operatori sanitari attesta, con maggior forza, quanto sia centrale ed imprescindibile l’interesse riconducibile alla tutela della salute del malato, facendo crescere la solidarietà tra singoli”.

Centrale l’intervento della presidente dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, Mariella Enoc, la quale ha ribadito con forza che “la scienza che l’ospedale deve produrre va diffusa”. Basilare, dunque, la formazione del personale ma anche la valorizzazione del ruolo dei medici di famiglia “che sono delusi perché hanno perso la vocazione alla prossimità”. Importante, secondo Mariella Enoc, anche la figura dell’infermiere di famiglia. In definitiva l’obiettivo è “umanizzare l’operatore sanitario, far sì che non abbia i minuti contati per fare una prestazione. E far sì che abbia tempo per dare informazioni ai parenti, che non vanno visti come un disturbo ma vanno messi all’interno del concetto di cura. Bisogna vivere più in simbiosi con le persone: quando si prende in carico un malato, si prende in carico anche la famiglia”: Un accenno della presidente del Bambino Gesù anche a “chi ha scelto di non vaccinarsi, che ha fatto una scelta egoistica. E allora stia a casa”.

Le conclusioni del dibattito, moderato da Giovanni Muttillo, dirigente delle professioni sanitarie della Asl di Teramo, che ha sollecitato “investimenti per la creazione di una cultura della medicina di prossimità”, sono state affidate all’arcivescovo di Pescara-Penne Tommaso Valentinetti. “Dobbiamo porci la domanda se nel sistema sanitario non dobbiamo maggiormente valorizzare i centri di eccellenza che devono essere anche centri di formazione”, ha osservato. Una formazione a un diverso modo di concepire la sanità non vista più come “produzione” ma vicina al malato, ha aggiunto.

Alle 11.30 il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila e presidente della Ceam, ha presieduto la celebrazione eucaristica, al termine della quale ammalati e operatori sanitari hanno attraversato la Porta Santa nell’antico santuario.

Nel pomeriggio sarà poi protagonista il mondo del volontariato, con il quarantesimo pellegrinaggio regionale dell’Unitalsi abruzzese. Alle 15.00 è in programma il passaggio dei pellegrini nella cripta di San Gabriele e il saluto al Santo, mentre alle ore 16.30 si svolgerà la processione eucaristica presieduta dal vescovo Leuzzi.

-- ALTRE NEWS --
-- ALTRE NEWS 1 --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -

Notizie Correlate

-- AD 1 --