Sant’Egidio, la Asl stoppa la mensa scolastica per alcuni accertamenti: il provvedimento

Sant’Egidio alla Vibrata. Stop alla refezione scolastica a Sant’Egidio alla Vibrata per una serie di verifiche e accertamenti.

 

Nelle ultime ore il sindaco Elicio Romandini, dopo una interlocuzione con la dirigenza scolastica e un primo controllo del servizio igiene e alimenti della Asl di Teramo, ha deciso di sospendere l’attività della mensa scolastica per le scuole dell’infanzia di via Virgilio e di Faraone. Tutto è nato dall’emersione di sospetti casi tossinfezione che avrebbero interessato alcuni alunni che fruiscono del servizio. Sulla scorta di tali situazioni, e in attesa delle verifiche accurate, è stato deciso di “chiudere” la cucina della mensa in funzione nella scuola dell’infanzia di via Virgilio, dove vengono preparati i pasti anche per la scuola di Faraone. Il provvedimento produrrà degli effetti a partire da lunedì 22 febbraio, visto che in attesa di analizzare l’origine dei problemi emersi, agli alunni non sarà assicurata la refezione scolastica. Di riflesso, sarà sospeso il tempo pieno e la didattica assicurata fino alle ore 14.

“ Sono in corso delle verifiche sulla vicenda”, commenta il sindaco Elicio Romandini e per capire cosa sia accaduto. In ogni caso non si tratta di situazioni legate al Covid”.

Nel frattempo la macchina organizzativa per le vaccinazioni degli over 80 è oramai pronta. Sono circa 350 gli anziani prenotati sulla piattaforma regionale e le operazioni prenderanno il via lunedì 22 febbraio, dalle ore 14, al centro fiera.