Ponte in legno sul Vomano, ripresi i lavori. Entro 6 mesi l’inaugurazione della struttura NOSTRO SERVIZIO


Ripartono i lavori di realizzazione del ponte in legno ciclopedonale sul fiume Vomano.

La Provincia di Teramo ha ufficialmente consegnato le opere all’impresa Facciolini di Montesilvano, che subentra alla ditta Gianforte che nel 2017 si era aggiudicata l’appalto ma che successivamente si era dimostrata inadempiente costringendo l’Ente provinciale ad un’azione legale tuttora in corso per il recupero delle somme già versate.

Gli operai hanno iniziato la fase di sondaggio limitatamente ai lavori che erano stati fin qui fatti e interrotti in più fasi tra il 2018 e il 2019 sino alla sospensione definitiva. Un giorno importante per i Comuni di Roseto e Pineto perché finalmente vedranno la luce di una struttura strategica e fondamentale per il collegamento ecosostenibile.

Sopralluogo intanto del presidente della Provincia Diego Di Bonaventura, del suo vice Alessandro Recchiuti, del direttore dei lavori, dei titolari dell’impresa.

Sui tempi di intervento, la ditta Facciolini ha assicurato che lavorerà a tamburo battente, in alcune circostanze anche la domenica. Il ponte ciclopedonale, che avrà un costo di circa 2milioni di euro, dovrebbe essere inaugurato subito dopo la stagione estiva, tra la fine di settembre e i primi di ottobre.

Per il presidente Di Bonaventura si chiude un capitolo andato avanti per lungo tempo ma che finalmente regalerà al territorio il collegamento pedonale e ciclabile su tutta la fascia costiera teramana.