Piccola pesca: l’Amp Cerrano entra nel vivo del progetto Life Delfi

Pineto. L’Area Marina Protetta Torre del Cerrano entra nel vivo del progetto Life Delfi.

Ieri, 10 maggio 2021, si è tenuto un incontro con i pescatori della Piccola Pesca Artigianale autorizzati alla pesca nell’AMP, finalizzato al coinvolgimento degli stessi nelle fasi pratiche con particolare riferimento ai test in campo. I pescatori, infatti, sono i veri protagonisti del Progetto finalizzato alla riduzione delle interazioni tra reti e delfini, un problema di lunga data e ben noto agli operatori del settore pesca che, ogni anno, ricevono danni per migliaia di euro a causa del fenomeno. Durante l’intervento il Project Manager, Sergio Guccione, del Centro Studi Cetacei, consulente tecnico dell’AMP nell’ambito del Progetto, ha illustrato ai pescatori i dettagli relativi alle azioni concrete che vengono di fatto avviate proprio in questi giorni. Nelle prossime settimane verranno distribuiti ai pescatori dei dissuasori acustici in grado di allontanare i delfini dalle reti, dei dissuasori luminosi a led che hanno il medesimo scopo e degli attrezzi da pesca innovativi tipo nassa che, a differenza delle reti, non risentono delle interazioni con i Cetacei.

“I pescatori, – commenta il Presidente dell’Area Marina Protetta, Fabiano Aretusi – che già in occasione dei precedenti incontri hanno dimostrano grande sensibilità per il problema delle interazioni, hanno confermato il loro interesse e hanno garantito la loro disponibilità a collaborare alla ricerca di una soluzione che possa giovare a tutti: ai professionisti della pesca, ai delfini e all’intera comunità che potrà avere un prodotto ittico di grande qualità e sempre più sostenibile grazie alle misure previste dal progetto Life Delfi”.