Martinsicuro, vertenza Veco: tutto fermo. Operai in cassa integrazione e nessun investitore VIDEO

Martinsicuro. Per anni è stata la fonderia. Sotto tanti aspetti. Quello squisitamente occupazionale e produttivo, forte anche di una tradizione che si era consolidata negli anni.

 

Ora la Veco di Martinsicuro, in procedura fallimentare, e chiusa da oltre un anno, sembra essere finita in un limbo. Silenzio quasi assoluto. I 50 dipendenti sono a casa, in cassa integrazione per un anno, ma questo aspetto sembra essere l’anticamera del licenziamento. All’orizzonte non si sono materializzati dei compratori, a fronte di un sito produttivo che nonostante gli incidenti di percorso, ha un’autorizzazione regionale fino al 2026.

 

E senza un segnale, che deve arrivare dalle istituzioni, tutto sembra destinato a non avere un futuro. Dall’azienda, ai lavoratori, non coinvolti in questi mesi in nessun processo di formazione utile anche per eventuali sbocchi occupazionali.

 

 

Per tornare ad accendere nuovamente i riflettori su una delle tante vertenze che connotano il settore produttivo della Val Vibrata, questa mattina i segretari provinciali di Fim e Fiom (Marco Boccanera e Mirco D’Ignazio) assieme alle maestranze hanno dato vita ad un sit-in dinanzi allo stabilimento di via Roma. “Serve un segnale, un passo in avanti da parte della politica”, commenta Mirco D’Ignazio della Fiom Cgil. “Questa era un’azienda con delle commesse e con impianti rimessi a norma prima dello stop”.

E uno dei nodi è questo. La fonderia ferma rischia di restare una sorta di cattedrale nel deserto con il nodo di una successiva bonifica del sito.

 

 

 

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.