Martinsicuro, antenna via Delle Messi. L’amministrazione: ecco come stanno le cose

Martinsicuro. “Comprensibile e positiva l’attenzione di tutti i cittadini sulle tematiche ambientali, ma attenzione a non generare un clima di sospetto generalizzato verso le istituzioni verso un tema tanto tecnico quanto delicato”.

 

E’ la premessa di una replica, circostanziata nella ricostruzione e nei dettagli offerti, che il sindaco di Martinsicuro, Massimo Vagnoni, e il consigliere delegato all’urbanistica, Alessandra Pulcini, fanno per calibrare al meglio la questione della nuova antenna per la telefonia mobile in via delle Messi.

“Il Comune non ha autorizzato alcun impianto tecnologico 5G”, si legge nella nota. “Gli uffici hanno istruito una richiesta di messa in sicurezza di un palo esistente della Galata Spa e riconfigurazione radioelettrica Wind Tre, TIM e Vodafone.

Inizialmente la richiesta era di installare un’ulteriore palo oltre a quello esistente, ma che è stata rigettata”.

Negli ultimi giorni, quando poi la stazione radio base (che poi è la sostituzione del palo esistente), il tema ha acceso il dibattito. Prima sui social, poi con la nascita di un comitato cittadino, interessando anche il confronto di natura politica.

Nello specifico, come ricordano gli amministratori, è stata autorizzata solo la sostituzione del palo esistente, con uno nuovo, con relativo ricollocamento delle antenne.

Installazione che è stata autorizzata sulla scorta dei pareri tecnici (Genio Civile, Arta e Sovrintendenza), superando le originarie prescrizioni di lasciare inalterata l’altezza complessiva dell’impianto. Per avere più spazio da ricavare necessariamente in altezza; per continuare a garantire la presenza di tutti e tre i gestori e avere contemporaneamente una distribuzione rastremata e poco impattante delle antenne, sul piano visivo e anche un minore impatto elettromagnetico.

“Come abbiamo già spiegato nell’immediatezza”, prosegue la nota, ” sono sostanzialmente i passaggi di un procedimento amministrativo che ha riguardato unicamente l’installazione di un palo, in sostituzione di altro esistente con adeguamento tecnologico antenne di gestori già preesistenti.

I timori e i dibattiti sull’installazione del 5G su quel palo che ne sono scaturiti, seppure comprensibili, alla luce delle autorizzazioni rilasciate , non sono quindi al momento fondati . Naturalmente, ogni intervento su impianti esistenti deve essere ben monitorato da parte degli uffici e da parte nostra al fine di evitare che vi siano installazioni e/o sperimentazioni del 5 g nel nostro territorio in linea con quanto espresso dal Consiglio Comunale.

Su questo assicuriamo tutti che la nostra allerta e attenzione è altissima e costante.

Proprio in tal senso, stiamo valutando attentamente con gli uffici in questi giorni le misure da adottare in merito ad una richiesta pervenuta dalla lliad di installare un nuovo impianto sul palo di via Delle Messi al fine di impedire con ogni mezzo possibile che dietro questa o altre richieste ci possa essere anche solo il rischio ipotetico che si possano autorizzare tecnologie senza certezze sulla salvaguardia della salute pubblica.

Su questo abbiamo chiesto da giorni maggiori elementi all’Arta in modo da rassicurare tutti i cittadini sul rispetto da parte di tutti i gestori   delle normative dettate a tutela della nostra salute.

Piano antenne. Nel frattempo, l’amministrazione comunale continua a lavorare per definire il piano antenne, che rappresentala migliore risposta a quelle che sono preoccupazioni del territorio di fronte alla proliferazione di impianti tecnologici senza un’adeguata pianificazione.