Inchiesta Strada dei Parchi, Acerbo: continua il silenzio della politica abruzzese

“Continua il silenzio della politica sull’inchiesta che riguarda la Holding Toto, la Strada dei parchi e  l’azionista di maggioranza Carlo Toto. Non parlano perchè centrosinistra e centrodestra sono stati complici di Toto”.

A dirlo è Maurizio Acerbo, segretario di Rifondazione comunista dopo aver appreso la notizia dell’inchiesta della Procura di Teramo sui viadotti ammalorati sulla A24 e l’indagine che vede coinvolti i vertici di Strada dei Parchi.

Per domani, Acerbo, ha indetto una conferenza stampa dinanzi alla villa di Carlo Toto a Pescara.

 

“Le accuse dei magistrati sono pesantissime e confermano quanto come Rifondazione Comunista abbiamo sempre sostenuto e che ci avevano spinto anni fa a promuovere anche il Comitato No Toto”, ricorda Acerbo.

Si legge che i vertici e il management avrebbero deciso di non fare la manutenzione dal 2009. E ricordiamo che poi i Toto batterono cassa presso lo Stato chiedendo fondi e anche che si approvasse un progetto di nuovo tracciato con proroga della concessione di altri 30 anni (iniziativa fortunatamente sventata dalla nostra mobilitazione).

Si conferma che la privatizzazione dell’autostrada è stata una gigantesca truffa e rivendichiamo di essere stati l’unico partito contrario.

Se il centrosinistra regalò a Toto la nostra autostrada la destra gli consentì pure di fare i lavori in house. E anche in questo caso – non gli è bastato il regalo – secondo i magistrati avrebbero imbrogliato con lavori mai eseguiti fatti pagare ai cittadini con l’aumento dei pedaggi.

Di fronte a questo scandalo alla luce del sole governo, Regione, Province continuano a tacere. Noi cittadini e utenti siamo stati tartassati per anni con le tariffe più alte d’Italia da un concessionario privato che ha messo a rischio la nostra sicurezza.

La privatizzazione delle autostrade è stato uno dei più grandi furti ai danni della collettività della storia d’Italia. Sulla A24 e A25 non c’è stata una tragedia come a Genova ma è evidente come sia stata lasciata degradare un’infrastruttura fondamentale.

Bisogna togliere la concessione a Toto. È un atto dovuto alle cittadine e ai cittadini. Cosa dicono gli altri partiti?”.

 

La nota di Strada dei Parchi. “Abbiamo la consapevolezza di aver sempre rispettato le prescrizioni, le regole, la tutela della sicurezza dei nostri utenti. Abbiamo la coscienza tranquilla in attesa della decisione del Tribunale del riesame di Teramo che,riunitosi oggi, non si è ancora pronunciato, e nella cui serenità e serietà di giudizio confidiamo pienamente”. E’ quanto scrive in una nota la Holding Toto in merito al sequestro di 27 milioni di euro per la vicenda dei piloni della A24/A25.