Erosione, Villa Rosa sud: no alle soluzioni fai da te

Villa Rosa. No alle soluzioni “fai da te” per risolvere il problema erosivo della costa nord. E’ un monito, carico anche di un pizzico di risentimento, quello che arriva dall’associazione Villa Rosa Sud alla luce delle tante proposte, alcune che arrivano dai balneatori delle zone più a sud (Alba Adriatica e Tortoreto) sul modo con il quale andrebbe affrontato il fenomeno erosivo e le mareggiate.

 

E mentre nelle ultime ore il mare in burrasca è tornato a farsi sentire, nella zona sud di Villa Rosa, l’associazione che raggruppa operatori turistici e commerciali, torna a puntualizzare alcuni concetti. “ Crediamo che alcune proposte arrivate in questi ultimi giorni”, dice l’associazione, “ senza fondamenti scientifici, lasciano il tempo che trovano. Riteniamo che bisogna far lavorare la Regione, gli esperti che stanno elaborando la soluzione ottimale e non interferire in un lavoro, perché così facendo si generano soltanto confusione e guerre tra territori che non hanno ragione di esistere”.

 

Da parte dell’associazione Villa Rosa sud si torna a puntualizzare il concetto dei pennelli che “hanno uno sviluppo meno profondo rispetto all’attuale ingombro in mare della banbinopoli”. “ Se allo stato attuale un progetto complessivo di intervento dal Tronto al Salinello ancora non è stato approntato”, dicono ancora, “ questo lo si deve alle posizioni del passato, dove gli operatori turistici di Alba e Tortoreto si sono opposti alla collocazione di barriere. Ora, visto che prima che tale percorso si perfezioni, ci vorranno almeno 5 anni e bisogna fare il modo che le progettualità della Regione trovino spazio”.