-- HEADER MASTHEAD DESK 2 --
-- HEADER MASTHEAD MOB 1 --

Atri, frana a Casoli: approvato il progetto definitivo

- SIDEBAR 1 -
Ultimo Aggiornamento: sabato, 9 Ottobre 2021 @ 19:36

Atri. Martedì scorso la Giunta Comunale ha approvato il progetto definito realizzato dal Gruppo di progettazione Hypro s.r.l. che si è aggiudicato la gara d’appalto per la progettazione relativa ai lavori resisi necessari dopo la frana che nel 2017 si è verificata a Casoli di Atri.

La realizzazione del Progetto Pubblico prevede la messa in sicurezza del versante di 250 metri e la sistemazione delle aree dove oggi sono i fabbricati che saranno ceduti al Comune.

“Il progetto approvato prevede la realizzazione delle opere necessarie a consolidare il versante in frana, e in particolare la porzione di monte, allo stato occupata dai fabbricati che hanno subito danni a seguito dei movimenti franosi che hanno avuto inizio il 05 gennaio 2017 a seguito di una ingente nevicata, e in particolare per garantire la sicurezza della viabilità provinciale che consente di mettere in comunicazione la frazione di Casoli con il Comune di Atri e la costa. Pertanto l’intervento si concentrerà nella porzione di monte ed è così costituito:
– Paratia di valle costituita da pali che permetteranno di stabilizzare il versante intercettando la superficie di scivolamento, con sovrastante muro di contenimento rinforzato da contrafforti necessario per la rimodellazione del versante secondo la nuova ipotesi progettuale, con l’intento finale di garantire anche un recupero ambientale dell’area;
– Muro di contenimento a mensola in c.a. posto a monte che consentirà di mettere in sicurezza la viabilità ordinaria e le abitazione a seguito della demolizione dei fabbricati danneggiati;
– Gabbionate necessarie per la rimodellazione del versante;
– Impianti arborei idonei alla mitigazione paesaggistica e ambientale;
– Funzionalizzazione delle aree occupate dai fabbricati da demolire, mediante realizzazione di aree parcheggio e aree belvedere a disposizione dell’Amministrazione, compresa la pubblica illuminazione, alla stessa quota della viabilità esistente;
– Sistemazione a verde pubblico delle aree tra i muri di contenimento;
– Rifacimento dei sottoservizi (acquedotto e fognatura) e della viabilità a monte dell’intervento”.

“Il progetto contiene tutte le opere di regimentazione delle acque meteoriche, sia mediante la realizzazione di caditoie e cunette superficiali, a tergo dei muri di contenimento, sia mediante tubi drenanti profondi per intercettare le acque che si infiltrano a monte. Inoltre, si prevede la mitigazione dell’impatto ambientale delle opere mediante messa a dimora di barriere vegetali costituite da alberi di cipresso e interventi di ingegneria naturalistica. Questi saranno impiantati a valle del muro realizzato su paratia in modo da mitigare l’impatto visivo dell’opera in c.a.. Il resto del versante sarà sistemato a verde, con realizzazione parapetti di sicurezza in legno o in ferro lavorato”.

Nel gennaio del 2017 una frana lunga circa 250 metri con un’ampiezza di circa 80 metri e una profondità tra i 3 e 5 metri interessò il centro storico di Casoli di Atri costringendo più di 15 nuclei famigliari, residenti in due palazzine e case singole, a lasciare le proprie abitazioni. L’opera, finanziata per l’intero importo di 4 milioni 550mila euro con un contributo regionale, è rientrata sotto la disciplina dell’Usr (Ufficio speciale per la ricostruzione).

“Con l’approvazione del progetto definitivo – commentano il Sindaco del Comune di Atri Piergiorgio Ferretti e l’Assessore ai Lavori Pubblici Domenico Felicione – si sono stabilite le opere necessarie per la messa in sicurezza del versante e per tutti i lavori utili alla mitigazione e alla fruizione pubblica degli spazi. Appena ottenuti i pareri degli Enti preposti si procederà all’approvazione del progetto esecutivo e si continuerà a lavorare per avviare la fase della gara d’appalto entro l’inverno e per iniziare i lavori in primavera del 2022. Ringraziamo tutti coloro che, a vario titolo, stanno facendo la loro parte per la messa in sicurezza e la sistemazione urbana dell’intero versante” .

-- ALTRE NEWS --
-- ALTRE NEWS 1 --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -

Notizie Correlate

-- AD 1 --