Atri, Comitato Santa Lucia: “Il sito deve essere chiuso e bonificato”

Atri. “Il prossimo giovedì la Regione dovrà dare un parere sulla discarica di Santa Lucia di Atri”, fa sapere il Comitato Santa Lucia che commenta: “Sembra un deja-vu ma non lo è”.

“Il Consorzio, nonostante tutto, continua a perseguire quello che sembra il suo principale obiettivo: portare altri rifiuti ad Atri”, continua il Comitato che si dice incredulo: “hanno ripresentato l’istanza per un mini ampliamento! La Asl aveva già espresso il suo parere negativo nel 2019. E anche l’ARTA aveva sollevato dubbi. Poi il Comune di Atri e noi avevamo presentato le nostre Osservazioni. Ma nonostante gli annunciati cambi di rotta del Consorzio, qui sembra una scena “gattopardesca”.

E ancora: “Noi, come Comitato, non possiamo esimerci dal compito di difesa del territorio, delle Aziende Agricole e dell’Ambiente. Contrada Santa Lucia chiede dignità. Non siamo disposti a cedere ancora, dopo tanti anni di dura lotta solitaria dei cittadini contro le istituzioni. Soprattutto quando i dati dei monitoraggi in nostro possesso continuano ad essere preoccupanti. Debiti, inquinamento e un controllo inesistente ci hanno portato a questo. Manifestazioni, osservazioni e raccolte firme fanno capire inequivocabilmente qual è la richiesta del territorio: chiudere per sempre il sito e bonificare. E’ una questione di salute pubblica, economica e soprattutto di dignità”, conclude la nota del Comitato a difesa del territorio.