Pescara, tentato avvelenamento con il Coumadin: condannati a 13 anni madre e figlio

Pescara. Condannata a 13 anni e 8 mesi di reclusione per tentato omicidio aggravato e falso, Daniela Lo Russo, la donna accusata di avere tentato di uccidere l’ex marito somministrandogli a sua insaputa il Coumadin, un potente farmaco anticoagulante: questa la sentenza emessa oggi dal tribunale collegiale di Pescara.

Condannato a 12 anni e 8 mesi, con le stesse accuse, anche il figlio della donna, Michele Gruosso. Il pm Rosangela Di Stefano aveva chiesto 17 anni per Lo Russo e 13 anni per Gruosso.

I due imputati, nell’estate del 2016, avrebbero ripetutamente somministrato alla vittima, un imprenditore edile di Rosciano, il Coumadin, farmaco in grado di provocare gravi emorragie interne, organizzando anche un’aggressione a colpi di mazza da baseball ai danni della vittima, allo scopo di accelerare le emorragie interne.

Il pestaggio venne eseguito dal colombiano Edwin Andrey Mosquera Zabala, condannato a 1 anno e 7 mesi di reclusione, mentre Marco Giorgio Faggion è stato condannato a 8 mesi per avere fatto da mediatore tra Gruosso e Mosquera.

SOSTIENI CITYRUMORS
Svolgiamo il nostro lavoro con continuità e professionalità, tutti i giorni con notizie puntuali e gratuite.
Questo lavoro ha un costo, per questo abbiamo bisogno di te e del tuo aiuto.
Diventa un sostenitore attivo di cityrymors, anche con un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro.
CLICCA QUI e diventa un sostenitore di cityrumors
Grazie! La Redazione.