6.5 C
Abruzzo
venerdì, Agosto 12, 2022
HomeNotizie PescaraCronaca PescaraPescara, flash mob per non dimenticare le vittime dell'hotel Rigopiano FOTO VIDEO

Pescara, flash mob per non dimenticare le vittime dell’hotel Rigopiano FOTO VIDEO

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 3:59

Pescara. Flash mob, Rigopiano tre mesi dopo, per non dimenticare, ma anche per chiedere giustizia. Oggi, a Pescara, in piazza della Repubblica prima e in piazza della Rinascita poi, organizzata dal Comitato Vittime Rigopiano, manifestazione in memoria delle 29 persone morte sotto le macerie dell’albergo travolto dalla valanga a Farindola il 18 gennaio scorso.

Circa duecento partecipanti si sono ritrovati in piazza della Repubblica; alle 16:15 è partito il corteo che, percorrendo corso Umberto, è arrivato in piazza della Rinascita.

Qui famigliari e amici delle vittime hanno formato un grande cerchio, tutti con un fiocco sul braccio, bianco come la neve. Alle 16:48, ora presunta della valanga, lo squillo di tromba con il Silenzio ha introdotto la corsa di bambini in maglia bianca all’interno del cerchio, come la valanga corse verso il Rigopiano. I bambini poi hanno scritto i nomi delle vittime sull’asfalto della piazza e hanno liberato 29 colombe bianche.

Fra i partecipanti anche i sindaci di Pescara e di Farindola, Marco Alessandrini e Ilario Lacchetta, il vice sindaco e il presidente del Consiglio Comunale del capoluogo adriatico, Antonio Blasioli e Francesco Pagnanelli.

“Siamo qui per ricordare, ma anche per chiedere giustizia. Attendiamo che l’inchiesta vada avanti per arrivare a una verità che noi abbiamo chiara in testa, perché la causa della tragedia non è stata la neve”. Così il presidente del Comitato Vittime di Rigopiano, Gianluca Tanda, fratello di Marco, al termine del flash mob.

“Ci sentiamo dimenticati dalle istituzioni – ha detto Silvia Angelozzi, sorella di Sara, tra le vittime insieme al marito Claudio – Per questo ogni mese daremo luogo a un flash mob, in piazza della Rinascita a Pescara, per sensibilizzare i rappresentanti delle istituzioni locali”.

Amarezza da parte di alcuni famigliari per l’assenza, in questa occasione, di rappresentanti di Provincia di Pescara e Regione Abruzzo, mentre in piazza erano presenti i sindaci di Farindola, Ilario Lacchetta, e di Pescara, Marco Alessandrini, quest’ultimo con il vice e il presidente del Consiglio comunale.

“Le parole che emergono oggi sono dolore e giustizia – ha detto Lacchetta – Oggi siamo qui aspettando di conoscere il perché tutto questo è accaduto”.

Alessandrini ha voluto portare la solidarietà del capoluogo adriatico: “La tragedia di Rigopiano ci ha trafitto i cuori. Non bisogna spegnere il faro dell’attenzione su questa vicenda”.

“Siamo in attesa delle indagini. Riteniamo si debba dare giustizia a queste persone e soprattutto capire se ci sono delle responsabilità” ha aggiunto l’avvocato Wania Della Vigna, legale di alcune famiglie delle vittime.

Al flash mob c’era anche Giampiero Parete, scampato con la moglie e i due figli alla tragedia; ha detto di “essere venuto in piazza della Rinascita per essere vicino ai famigliari delle vittime e al loro dolore”.

 

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'