-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Comune di Chieti, piano di riequilibrio finanziario: intervengono Fratelli d’Italia e Udc

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 28 Aprile 2021 @ 22:29

Chieti. “A margine del consiglio comunale di giovedì 21 aprile in cui abbiamo già evidenziato tutta la precarietà del piano di riequilibrio finanziario, presentato dalla maggioranza del Sindaco Ferrara, sorgono nuovi elementi che confermano quanto da noi esposto.

Il piano di riequilibrio, frutto di una scelta frettolosa poggia su quattro pilastri indefiniti. Il taglio di spese non menzionate, l’aumento indiscriminato delle entrate, che comporta la scellerata scelta della chiusura di tutti i nidi comunali affidati ai privati, le transazioni con i maggiori creditori del comune, e una nuova politica di riscossione tutta da definire (ancora effettuata la verifica da parte di kmpg sulla Teate servizi). Come ho affermato in consiglio comunale, dichiara il capogruppo di fdi Carla Di Biase, non tutte le transazioni sono veritiere. Come ricordato all’assessore Raimondi, il negozio giuridico della transazione (come da art. 1167 cc e sent. Corte Cass. Sez. II 3.3.2014)presuppone un accordo sctitto e non verbale. Tale accordo è avvenuto solo con due dei creditori inseriti nel piano di riequilibrio. È del 20 aprile la nota con cui l’Ersi diffida il Comune al pagamento delle cifra cantata. Tale debito risalente al 2007 (amministrazione Ricci), che è stato oggetto di una trattativa seguita dal Presidente del consiglio Luigi Febo(come si evince dall’intestazione in epigrafe), continua il capogruppo de lio, non ha visto buon fine. L’Ersi infatti ha dato incarico e mandato al suo legale di procedere al recupero delle somme pretese. Nessuna risposta scritta né orale è pervenuta, invece, dal consorzio, aggiunge il consigliere miscia. Tale modalità di procedere oltre a confermare quanto da noi sostenuto apre lo spettro del dissesto pilotato. Se infatti venisse a cadere tale pilastro questo piano non avrebbe le gambe per camminare. È gravissimo conclude Giampietro quanto affermato dall’assessore e quanto dichiarato all’interno del piano. Ci troviamo di fronte all’attestazione falsa in atto pubblico, ancor più grave se si pensa all’importanza che tale atto ha per il futuro della città. Ci riserviamo e stiamo valutato le azioni da intraprendere, certo è che se queste sono le premesse il futuro dei prossimi 20 30 anni si prevede triste e incerto.” Si legge così in una nota dei gruppi consigliari fdi Fdi e Udc del Comune di Chieti.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate