Cambiare merce senza scontrino non è impossibile: quando si può e cosa bisogna avere

Se avete della merce che vorreste restituire ma avete perso lo scontrino, ecco cosa potete fare: in questi casi è possibile farlo.

Oggi come oggi, soprattutto in questo periodo pre-natalizio, gli acquisti sono intensi e frenetici. Tutti abbiamo la necessità di trovare il regalo giusto per tutti e questo ci porta ad acquistare beni e servizi anche quando abbiamo qualche dubbio in merito: accaparrarselo, magari a un prezzo vantaggioso, supera la riflessione sulla sua reale necessità.

Come cambiare merce senza scontrino
Come cambiare merce senza scontrino: da oggi è possibile, ecco come -Abruzzo.cityrumors.it

Molto spesso, però, capita che quando si arriva a casa e si spacchetta il bene appena acquistato, ci si rende conto che non va affatto bene e non è quello di cui si aveva bisogno. Subentra quindi la possibilità del cambio merce, spesso irrealizzabile se non si ha con sé lo scontrino. Se anche a voi capita di perderlo ancora prima di poter decidere di fare il cambio, ecco cosa potete fare: in certi casi è possibile.

Cambiare merce senza scontrino: come farlo

Di fatto, il tema su cui si deve riflettere è il diritto di reso. Per quanto si pensi che ogni acquisto e ogni acquirente abbia il diritto di poter ritornare al punto vendita e di restituire il bene ricevendo indietro la somma spesa, di fatto non è proprio così. Il diritto di reso, di recesso o di ripensamento si ha quando si effettuano acquisti tramite e-commerce o televendite, quindi fuori dai negozi fisici o quando si acquistano prodotti difettosi, quindi da riportare indietro.

Come cambiare merce senza scontrino
Come cambiare merce senza scontrino: da oggi è possibile (abruzzo.cityrumors.it)

Nel caso in cui ci si renda conto di dover cambiare un bene senza scontrino, ci si può riuscire con una buona percentuale di successo nel caso in cui il prodotto sia difettoso e si riesca a dimostrare che sia stato acquistato proprio in quel negozio, magari per una marca che è in vendita solo lì. Un valido alleato in questo caso è la ricevuta del bancomat o della carta di credito, se la spesa è stata fatta con un metodo elettronico.

Nel caso in cui, però, il prodotto non sia difettoso e sia stato pagato in contanti, allora dimostrare che sia stato acquistato in quel negozio non è così facile. In questo caso, si potrebbe far leva sulla presenza di un amico o di un parente che era con noi al momento dell’acquisto, anche se non è detto che funzioni!

Impostazioni privacy