Bonus casa facilitati: spesso non serve la CILA e basta un atto di notorietà

Cerchiamo di capire cosa serve e qual’è la procedura corretta per ottenere in modo semplice i bonus casa. Rimarrete sorpresi.

Molte persone non sono consapevoli del fatto che per ottenere le agevolazioni fiscali legate ai bonus edilizi non sempre è necessario richiedere la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori) o altri titoli abilitativi. In alcuni casi, infatti, è sufficiente presentare un atto di notorietà.

Bonus senza cila
Bonus casa facilitati: spesso non serve la CILA e basta un atto di notorietà-Abruzzo.cityrumors.it

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente risposto a una domanda di un contribuente riguardo a questo argomento, dando l’opportunità di fare un utile riepilogo sull’importanza del collegamento tra i lavori edilizi e le agevolazioni fiscali. Solitamente, per ottenere un beneficio fiscale, è necessario avere il titolo abilitativo che autorizza l’intervento specifico. Tuttavia, non tutti i lavori richiedono un titolo abilitativo.

Bonus casa senza CILA: come ottenerlo

La normativa sull’attività edilizia prevede che talvolta sia necessaria una specifica riabilitazione amministrativa, come la concessione, l’autorizzazione o la comunicazione di inizio lavori. Tuttavia, quando non è richiesto nessun titolo abilitativo, è possibile richiedere le agevolazioni fiscali tramite una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Questa dichiarazione dovrà indicare la data di inizio dei lavori e certificare che gli stessi rientrano tra quelli agevolabili.

Per chiarire ulteriormente la questione, l’Agenzia delle Entrate fornisce una panoramica delle principali tipologie di interventi edilizi e dei relativi titoli abilitativi.

Bonus edilizia come funzionano
Cerchiamo di fare chiarezza sula questione dei bonus edilizia-Abruzzo.cityrumors.it

Ci sono lavori che non richiedono alcun titolo abilitativo o comunicazione al Comune, come le opere di manutenzione ordinaria. Alcuni interventi possono essere realizzati a seguito di una Comunicazione di Inizio Lavori (CILA) corredata da una relazione asseverata del tecnico che attesta la conformità dell’intervento alle normative vigenti.

Ci sono anche interventi soggetti ad un permesso di costruire, come nuove costruzioni, ampliamenti o demolizioni, e interventi soggetti a “Super SCIA”, una variante della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) che si applica a lavori di particolare rilevanza e complessità. Infine, ci sono interventi che possono essere soggetti ad una SCIA, una procedura semplificata rispetto al permesso di costruire.

Ci si chiede quindi quali lavori possano essere eseguiti senza CILA e solo con un atto sostitutivo dell’atto notorio? In questa categoria rientrano ad esempio i lavori per mettere a norma gli edifici e gli impianti tecnologici, gli interventi per prevenire atti illeciti, le opere di cablatura degli edifici e i lavori per contenere l’inquinamento acustico.

Inoltre, si includono gli interventi volti al conseguimento di risparmi energetici, soprattutto tramite l’installazione di impianti basati su fonti rinnovabili di energia, così come gli interventi per prevenire gli infortuni domestici.

Impostazioni privacy