lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeAperturaInchiesta Sanità Pescara: 35 indagati con Marinelli, Sospiri e Chiavaroli

Inchiesta Sanità Pescara: 35 indagati con Marinelli, Sospiri e Chiavaroli

Pescara. Sono 35 gli indagati (26 persone fisiche e 9 fra società e associazioni sportive), tra i quali il presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo Lorenzo Sospiri e l’ex sottosegretario alla Giustizia Federica Chiavaroli, nell’inchiesta della Procura di Pescara sulle attività dell’imprenditore della sanità Vincenzo Marinelli, culminata con le misure cautelari del 14 giugno scorso per cinque dei personaggi coinvolti.

Oltre a Marinelli finirono ai domiciliari il suo factotum Graziano Canonico, la dirigente della Asl di Pescara Tiziana Petrella, il funzionario Asl Antonio Verna e l’imprenditore Fabio Tonelli.

Come riportano i quotidiani Il Centro e Il Messaggero-Edizione Abruzzo, il pm Andrea Di Giovanni ha spedito l’avviso di conclusione delle indagini, prologo della richiesta di processo.

Il numero degli indagati, rispetto all’avvio dell’inchiesta, è cresciuto, visto l’inserimento nel registro delle società cui viene contestato l’illecito amministrativo delle singole società coinvolte.

Sotto la lente degli investigatori 5 gare presumibilmente “pilotate”, per un importo superiore ai 35 milioni di euro.

I reati contestati sono, a vario titolo, turbata libertà degli incanti, corruzione, evasione fiscale.

“Ma la novità più rilevante di questo avviso di conclusione indagini è – scrive Il Centro – oltre alla formazione dei fondi neri per pagare tangenti, la gara per i 181 letti elettrici del Covid Hospital di Pescara che il pm contesta a Vincenzo, Silvia e Donato Marinelli, a Lorenzo Sospiri, al direttore amministrativo della Asl Paolo Zappalà e a Massimo Valdes della Hill Rom, società che si aggiudicò quella gara da circa 700 mila euro”.

A Sospiri  si contesta anche di ‘aver promesso di sollecitare e appoggiare in sede politica regionale l’indizione della gara per il Project-financing per i servizi di radioterapia e diagnostica integrata presso la Asl di Chieti per importo a carico del bilancio regionale di 8 milioni l’anno e durata di 11 anni”, scrive ancora Il Centro.

“Su Sospiri pende l’accusa di corruzione non soltanto per l’episodio, noto, della promessa del posto da direttore dell’Aric (l’agenzia regionale di committenza) alla Petrella, ma anche per aver messo il naso nella fornitura di 181 letti elettrici per il Covid hospital di Pescara, fornendo a Marinelli informazioni privilegiate sulla gara””, si legge invece nell’articolo de Il Messaggero, che prsoegue: “Altra politica indagata è Federica Chiavaroli (in foto), ex sottosegretario alla giustizia, che si sarebbe adoperata, sempre in relazione a gare in corso, per favorire un incontro tra la figlia di Marinelli, Silvia, e il primario del laboratorio analisi di Pescara”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES