Giulianova, ripescato il cadavere di un uomo: potrebbe trattarsi del turista scomparso da Martinsicuro FOTO VIDEO

Giulianova. Poco fa la guardia costiera di Giulianova ha recuperato in mare il cadavere di un uomo che si sospetta possa essere quello di Tomas Cerveny, 40enne della Repubblica Ceca, in vacanza a Martinsicuro assieme alla fidanzata di 17 anni, e del quale si erano perse le tracce da domenica.

 

 

Il corpo è stato avvistato in mare aperto, da un diportista, a sud del porto di Giulianova, che ha avvertito la guardia costiera che poi ha provveduto al recupero del cadavere in avanzato stato di decomposizione.

 

Giulianova, recupero cadavere in mare

La motovedetta della guardia costiera rientra in porto dopo il recupero del cadavere di un uomo che si sospetta possa essere il turista della Repubblica Ceca scomparso da Martinsicuro

Gepostet von Abruzzo Cityrumors.it am Donnerstag, 3. September 2020

 

Nel frattempo sul posto è atteso l’arrivo anche del magistrato della procura di Ascoli che indaga sulla vicenda. Va ricordato che domenica mattina, nella zona Sentina di San Benedetto, era stato recuperato il corpo di una giovane donna, morta per annegamento.

Sul posto sono interventi anche gli agenti della squadra mobile di Ascoli e di Teramo, mentre il cadavere è stato trasferito in obitorio all’ospedale di Teramo. Al momento sono aperte due indagini: una della procura di Ascoli e l’altra di Teramo.

 

Riconoscimento di Marketa. Avrebbe riconosciuto gli orecchini della figlia, trovati indosso al cadavere recuperato domenica scorsa nei pressi della Riserva Naturale Sentina a San Benedetto del Tronto, la madre della 17enne Marketa Adamkova, della Repubblica Ceca, con la quale non aveva contatti da sabato e di cui aveva denunciato la scomparsa.

 

E’ quanto si è potuto apprendere da fonti bene informate. Ancora non c’è stato ancora un riconoscimento ufficiale della vittima, morta per annegamento. La madre della 17enne ha avuto la possibilità di visionare alcune fotografie e avrebbe riconosciuto gli orecchini come quelli che portava la figlia minorenne.