-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Teramo, anche laureati tra i percettori di reddito di cittadinanza impiegati in tribunale VIDEO

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 23 Settembre 2021 @ 13:16

Il presidente del tribunale di Teramo, Carlo Calvaresi, insieme al dirigente Giulio De Nobili, al sindaco Gianguido D’Alberto e l’assessore Ilaria De Sanctis, ha presentato l’iniziativa collegata al reddito di cittadinanza per i PUC, Progetti Utili alla Collettività.

Ventuno percettori sono impiegati come tirocinanti nel tribunale di Teramo, per dare una mano nel velocizzare tutto quello è il “lavoro oscuro”, necessario poi per avere anche più velocità nei procedimenti e nei processi.

Come ha illustrato il capo del personale De Nobili, tre sono stati dirottati verso la cancelleria civile, tre verso quella fallimentare e tre verso la cancelleria penale. Due sono utilizzati presso l’ufficio gip/gup, sei, la parte più cospicua, in archivio; altri due nell’ufficio notifiche e gli ultimi due presso il giudice di pace.

La collaborazione tra Comune e tribunale, consente a quest’ultimo di non attendere “la cavalleria dal Ministero”, come l’ha definita il presidente Calvaresi; seppur comunque necessaria e già richiesta, ci sono tempi lunghi e questo rinforzo era vitale il prima possibile.

L’assessore De Sanctis ha anche fornito alcuni dati in merito ai percettori di reddito: a giugno, i richiedenti erano 2185 nel comune di Teramo. I ventuno impiegati in tribunale, per cui si auspica un ritorno nel mondo del lavoro e quindi turnover, non lavorano da oltre due anni, sono persone istruite ed in alcuni casi anche laureate, alle prese con problemi a trovare lavoro in provincia di Teramo.

Oltre a verde pubblico, canile e spazi culturali, sono in atto interlocuzioni per PUC anche con la Biblioteca Delfico e l’Unione Italiana Ciechi.

-- FINE ART -
-- ART CORR OUTB --
-- ALTRI ART CORR -- -- ALTRE NEWS --

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate