-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Cori razzisti durante Cagliari-Pescara: la squalifica tocca a Muntari

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 21:40

I cori ci sono stati, e Sulley Muntari li aveva sentiti al punto da indignarsi e abbandonare il campo prima del triplice fischio, ma la squalifica tocca al ghanese e non ai razzisti, seppur una sparuta decina.

Si conclude con un turno di stop al centrocampista del Pescara, vittima dei “buu” partiti dalle tribune del Sant’Elia domenica durante la partita tra Cagliari e Pescara, la polemica che il calciatore aveva aperto, scagliandosi contro l’arbitro Minelli che, a suo dire, non aveva udito nulla.

Eppure, fin da subito, mentre il giocatore dimostrava platealmente il proprio sdegno, lo speaker dello stadio sardo aveva recitato la formula di rito contro il razzismo, quella che ricorda ai tifosi di che spetta alla società la responsabilità (leggasi squalifica in caso di cori a sfondo razziale). Ma Minelli era rimasto impassibile, al punto da spingere Muntari ad andarsene con alcuni minuti prima del 90′.

Una scelta che gli è costata la seconda ammonizione e, ora la squalifica per un turno dal giudice sportivo. Lo stesso giudice che ha deciso di non adottare provvedimenti sanzionatori nei confronti della società rossblu perché “considerato che i pur deprecabili cori di discriminazione razziale sono stati percepiti nell’impianto in virtù anche della protesta silenziosa in atto dei tifosi (come segnalato dagli stessi rappresentanti della Procura federale) ma, essendo stati intonati da un numero approssimativo di soli dieci sostenitori e dunque meno dell’1% del numero degli occupanti del settore (circa duemila), non integrano dunque il presupposto della dimensione minima che insieme a quello della percezione reale è alla base della punibilità dei comportamenti in questione, peraltro non percepiti dagli Ufficiali di gara (come refertato dall’Arbitro), a norma dell’art. 11, comma 3, CGS”.
“La Delfino Pescara 1936”, commenta il club biancazzurro con una nota, “dopo aver riflettuto e analizzato a freddo i vari comunicati usciti a livello nazionale e oltre riguardanti i gravi fatti accaduti domenica scorsa a Cagliari, che vedono protagonista il nostro tesserato Sulley Muntari, prende una ferma posizione affianco al proprio calciatore per poter dare un forte segnale contro ogni tipo di discriminazione razziale che essa sia fatta da uno o da cento persone. Detto questo la nostra società, conoscendo la correttezza del popolo cagliaritano, e nel scusarsi per il comportamento fuori regolamento del calciatore in questione, confida nel buon senso già dimostrato domenica da tutti gli organi presenti – procura e direttori di gara – e si augura che tali episodi in futuro siano affrontati e risolti in maniera categorica”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate