Montorio, la denuncia dell’opposizione: “Rifiutata proposta di acquistare altre mascherine”

“I problemi della vittoria, così diceva Churchill, sono più piacevoli di quelli della disfatta, ma non meno ardui. Probabilmente il sindaco ha sperimentato di persona questa verità, espressa da un uomo che s’intendeva di politica”. E’ quanto dichiarano in una nota congiunta, i consiglieri di minoranza Marco Citerei e Gabriella Zuccarini di “Montorio che Vive”, Andrea Guizzetti e Paolo Sacchini di “Montorio Avanti Insieme”, Mario Colangeli e Alessia Nori del “Gruppo Misto”.

“Dall’inizio del suo mandato, con il Sindaco Facciolini assistiamo ad un continuo stillicidio di assessori e consiglieri, un susseguirsi di dimissioni, uscite dalla maggioranza e poi rientri improvvisi. Basti pensare che, a meno di due anni dall’insediamento, la Giunta è cambiata svariate volte, fino ad arrivare ad un “assessore al buio”, esterno, ancora oggi senza deleghe. Capigruppo di maggioranza succedutisi svariate volte. Unico perno, “padano in salsa montoriese” rimane il Vice Sindaco Raniero Barnabei. Facciolini è stato capace di epurare dalla sua giunta Alessia Nori, solo dopo pochissime settimane dall’insediamento.  Nello stesso periodo ha defenestrato dalle scale comunali, ritirandogli le deleghe, il consigliere Giancarlo Di Marcantonio, salvo poi essere rientrato dopo più di un anno di dura opposizione, fulminato sulla via di Leognano”, continua la minoranza.

“Caro sindaco, come mai se ha così tanti progetti, come spesso cacofonicamente racconta, nessuno della sua maggioranza ne è a conoscenza? Come mai la stessa maggioranza non si fida più di lei? Ed inoltre, nel caso ci fossero stati questi megaprogetti, non sarebbe stato opportuno condividerle con le minoranze? E’ dall’inizio dell’emergenza che cerchiamo un confronto serio e leale con il sindaco e la sua maggioranza, mettendo da parte ogni contrasto. Abbiamo ripetutamente dato la nostra disponibilità per superare, in modo unitario, l’emergenza che tutt’ora è in atto e che sta determinando serie ripercussioni sul tessuto sociale ed economico del territorio. Abbiamo fatto proposte di ogni genere e stimolato iniziative, come quella della distribuzione attenta ed oculata delle mascherine alla popolazione. Alla videoconferenza dei capigruppo di giovedì scorso, chiesta di nuovo dalla minoranza per la situazione emergenziale in atto, abbiamo assistito ad un siparietto del suo capogruppo, Massimo Rastelli, che in modo arrogante e vaneggiante non solo ha rigettato ogni nostra proposta, ma si è continuamente contrapposto alla consigliera Nina Nori, rigettando, senza motivazione alcuna, le proposte di acquisto da parte del Comune di mascherine riutilizzabili per integrare la nostra donazione, cosi da poterle consegnare indistintamente a tutte le famiglie montoriesi. Il “mago” della politica di destra, Massimo Rastelli, ha tirando in ballo la corte dei conti per un eventuale danno erariale derivante dall’acquisto di mascherine. Una buona iniziativa da subito sostenuta dai capigruppo delle minoranze, e gradita anche dal Vice Sindaco Raniero Barnabei. Il risultato è stato l’abbandono anticipato della riunione di Rastelli, evidentemente contrariato dall’essere in minoranza”, aggiungono i consiglieri di Montorio che Vive, Montorio Avanti Insieme e del gruppo Misto.

E concludono: “Per questo rinnoviamo al sindaco Facciolini, in questa fase delicata di emergenza, l’invito ad ascoltarci seriamente e con senso di responsabilità, mettendo completamente da parte chi lo sta consigliando male, perché adesso gli facciamo notare che non ha più i numeri per governare”.