Roseto, in autunno riduzione Tari per le utenze non domestiche

Ultimo Aggiornamento: sabato, 19 Giugno 2021 @ 12:11

Roseto. Il sindaco di Roseto Sabatino Di Girolamo, in qualità di delegato al Bilancio, ha annunciatoche l’amministrazione comunale si accinge a deliberare significative riduzioni della Tari per le utenze non domestiche.

“Sfruttiamo in questo mode le possibilità che ci vengono offerte dal decreto legge 73/2021 relativo i sostegni economici legati all’emergenza Covid. Con questa misura il Governo ha stanziato 600 milioni di euro a favore dei Comuni per aiutare le categorie colpite dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni. Il contributo, a differenza dello scorso anno, è stato indirizzato solo a favore delle utenze non domestiche”.

Al Comune di Roseto sono stati assegnati 300 mila euro che verranno impiegati per dare esecuzione alle riduzioni sulla parte variabile della tariffa secondo le seguenti articolazioni:
1. riduzione del 10% della TARIFFA VARIABILE a favore di ciascuna delle attivi-tà di seguito specificate nell’ambito delle singole categorie di attività (di cui all’art. 14 del presente regolamento):
– Autorimesse, magazzini senza vendita diretta;
– sottocategoria: distributori carburanti;
– sottocategoria: Uffici;
– sottocategoria: studi professionali;
– Barbiere, estetista, parrucchiere;
– Attività artigianali tipo botteghe (elettricista, fabbro, falegname, idraulico, fabbro,
elettricista);
– Autofficina, carrozzeria, elettrauto;
– Attività artigianali di produzione beni specifici;

2. riduzione del 20% della TARIFFA VARIABILE a favore di ciascuna delle attività di seguito specificate nell’ambito delle singole categorie di attività (di cui all’art. 14 del presente regolamento):
– Autosaloni, esposizioni;
– Alberghi con ristorante;
– Alberghi senza ristorante;

3. riduzione del 30% della TARIFFA VARIABILE a favore di ciascuna delle attività di seguito specificate nell’ambito delle singole categorie di attività (di cui all’art. 14 del presente regolamento):
– Cartolerie, librerie, negozi di beni durevoli, calzature, ferramenta;
– Negozi di Antiquariato, cappelli, filatelia, ombrelli, tappeti, tende e tessuti;

4. riduzione del 50% della TARIFFA VARIABILE a favore di ciascuna delle attività di seguito specificate nell’ambito delle singole categorie di attività (di cui all’art. 14 del presente regolamento):
– Osterie, pizzerie, pub, ristoranti, trattorie;
– Birrerie, hamburgerie, mense;
– Bar, caffè, pasticceria;

5. riduzione del 100% della TARIFFA VARIABILE a favore di ciascuna delle attività di se-guito specificate nell’ambito delle singole categorie di attività (di cui all’art. 14 del presente regolamento):
-.Associazioni, biblioteche, musei, scuole (ballo, guida ecc.);
– Cinematografi, teatri;
– Sottocategoria: impianti sportivi e palestre;
– Sottocategoria: case di cura e di riposo;
– Sottocategoria: agenzie di viaggio, sale giochi e scommesse;
– Discoteche, night club

“La riduzione per questa annualità 2021 troverà automatica applicazione nelle prossime cartelle che verranno recapitate in autunno – dichiara il sindaco – dunque non ci sarà bisogno di fare istan-za poiché i contribuenti troveranno automatica applicazione sulla base delle risultanze della banca dati tributaria”.

“Per quanto riguarda i sostegni alle famiglie – precisa Di Girolamo – mi preme comunicare che il Comune di Roseto avrà a disposizione un ulteriore fondo di solidarietà alimentare allargato quest’anno anche a sostegno degli oneri di affitti e utenze domestiche per i nuclei familiari in difficoltà. Non sfugge che tra le utenze domestiche rientra anche la Tari, ragion per cui chi avrà difficoltà potrà fare domanda di rimborso poiché il Comune avrà la possibilità di attingere a questa mi-sura grazie al decreto sostegni bis che ha destinato a Roseto ulteriori 200 mila euro. E’ un segnale di solidarietà che il Governo ha destinato a tutti i Comuni che si trovano in prima linea nel dare sostegno a persone e attività che si sono trovate in difficoltà economica a causa del Covid.

“Il Comune di Roseto – conclude il sindaco – farà la sua parte distribuendo al più presto i soldi del fondo di solidarietà alimentare oltre che applicando immediatamente le riduzioni alle utenze non domesti-che nelle prossime cartelle”